Piadine da Favola

La piadina è romagnola, per definizione. Poi, all’improvviso, piace a tutti e tutti la imitano, in Italia e fuori. Non volendo soffermarci sui risultati discutibili sembra che l’unica davvero buona sia quella casereccia.

Per questo C’era una volta una piada è accogliente come, e più, di casa vostra: la cucina -vera protagonista del locale- è a vista e in stile country; il legno, le tende in juta e i colori pastello riscaldano l’ambiente; i grembiuli dei cuochi fanno venire voglia di mettersi ai fornelli.

E, come in ogni casa di campagna che si rispetti (non vorrei farvi perdere il senso dell’orientamento: siamo comunque in centro a Milano!), non poteva mancare un cagnolino!

Creata l’atmosfera, tutto il resto lo fanno le piadine: sottilissime e dalle farciture più varie, talmente buone che quando vi dirò che l’ultimo giovedì di ogni mese potete cimentarvi in un aperitivo/degustazione di vini, birre e soprattutto piadine (dolci e salate) a non finire, non vedrete l’ora che sia il 24 novembre!

C’era una volta una Piada questa sera è chiuso e non festeggia Halloween (questione di tradizioni?!), ma, per i patiti del genere, vi lascio con una chicca:

SAVE THE PLACE:

Piazza San Gioacchino, 5

Viale Coni Zugna, 37

Milano