carosello_phubbing_cosebelle_04

La lingua, lo abbiamo imparato, è in continua evoluzione. Ogni anno nuovi termini entrano a far parte delle edizioni dei dizionari, mentre altri cadono in disuso e sono in allarme estinzione come quelli che noi vogliamo ricordare (e salvare) su Parole Belle.

Sono i media, lo slang giovanile, i giornalisti, la politica e i fenomeni sociali in generale a rappresentare la fonte principale dei termini nuovi che per esempio sono entrati a far parte del Vocabolario della Lingua Italiana “Zingarelli” nel 2012: scrauso, celodurismo, viralità, biotestamento etc.

Ma una nuova parola si può inventare a tavolino e ufficializzarla a scopi pubblicitari e quindi commerciali? Purtroppo la risposata è si, si può e lo hanno fatto.

Immaginate di essere la casa editrice e curatrice di un dizionario cartaceo,(ricordate? quei tomi pesantissimi che ci siamo dovuti trascinare dietro per anni dalle elementari al liceo almeno /e se eravate al classico pena doppia) che volete lanciare il vostro nuovo prodotto e che vi rivolgiate a un’agenzia di pubblicità per occuparsi di questo in maniera efficace perché la sfida è considerevole: nei nostri tempi digitali chi compra ancora un dizionario?

Ecco l’agenzia (che poi è la stessa che abbiamo amato per “Dumbs ways to die”) ci propone il piano:

Mettiamo insieme in una stanza un gruppo di persone che lavorano in ambito linguistico (il poeta, il professore universitario, lo scrittore etc.) e chiediamo loro di inventare un termine per indicare un comportamento sociale nuovo e diffuso per cui un nome non c’è (nello specifico: l’atto di restare incollato al tuo smartphone invece di prestare attenzione al tuo interlocutore). Poi con un uso sapiente e con grandi investimenti nelle Relazioni Pubbliche, un sito e una pagina Facebook facciamo in modo che questo termine si diffonda nel mondo e nei media in modo da essere legittimato e ufficializzato. In un anno di tempo avrete la vostra campagna pubblicitaria e faremo raggiungere popolarità al vostro prodotto .

carosello_phubbing_cosebelle_05

carosello_phubbing_cosebelle_01

Sembra un progetto ambizioso e coraggioso ma “one year later” ecco il risultato in questo video:

Trovata geniale e triste allo stesso tempo…ma in fondo “phubbing” è davvero un termine che ci mancava e a cui vorrei poter trovare l’autentico corrispettivo italiano per iniziare subito ad utilizzarlo.

carosello_phubbing_cosebelle_03