La sentite la pressione del Natale che si avvicina? É più simile a eccitazione, ansia da shopping o “terrore” al pensiero di rivedere tutta la vostra famiglia? Io la pressione la sento ed è un mix dei sentimenti sopra descritti… immaginate però la pressione che possono sentire le aziende e i pubblicitari nel periodo dell’anno in cui dovrebbe esserci il picco delle vendite. Se hai fallito a Natale non avrai raggiunto il target di vendite annuale, soprattutto se ti occupi di prodotti di largo consumo. Visto che il Natale o si ama o si odia, le strade su cui puntare nella comunicazione in questo periodo sono essenzialmente due: sentimentalismo o ironia.

Se avete ricordi felici o nostalgici del Natale allora i prossimi due spot (entrambi made in UK) fanno per voi:

Tesco: la grande catena di alimentari punta tutto sulla nostalgia, seguendo il Natale di una normale famiglia britannica. Scene in cui ci riconosciamo un pò tutti e che ci fanno sospirare: “there’s nothing better than Christmas!” L’effetto dura poco, almeno fino alla prossima occhiata alla lista di cose da fare per Natale che non è ancora stata spuntata.

CREDITS
Client: Tesco
Agency: Wieden + Kennedy, London

John Lewis: per i nostri amici British non è Natale fino a quando le TV non trasmettono lo spot di John Lewis. Quest’anno d’ispirazione disneyana, esso racconta la storia di una lepre che tenta di far vivere l’emozione del Natale al suo amico orso che naturalmente trascorre i suoi inverni in letargo e non ne vuole sapere di uscire dalla tana per festeggiare…ci riuscirà? Io ho tentato un´impresa simile con un uomo e non ci sono riuscita, quest’anno tenterò con la mia tartaruga (anche lei in letargo): magari sarà più semplice e ringrazierò poi la lepre di John Lewis.

CREDITS
Client: John Lewis
Agency: adam&eveDDB

Questo spot  invece fa parte della categoria: ironia (anche e soprattutto a Natale). K-mart: Show your Joe.

Devo aggiungere altro?

CREDITS
Client: Kmart
Agency: Draft FCB Chicago

Nota: Visto che non seguo la TV italiana non ho potuto includere spot “nostrani” in questo post (quindi per favore segnalatemeli!) ma, visto che faccio parte della categoria sentimental-nostalgica (per lo meno a Natale) allora ne metto un paio della mia (e vostra) infanzia, tra sentimentalismo e ironia. Chissá che anche voi non associate ad essi dei bei ricordi!

Bauli

Tartufone Motta