Siamo nella nuova era dell’artigianato, quella che reinterpreta l’antica tradizione italiana portandola sul web, innanzitutto, e rompendo gli schemi di genere. L’artigianato al femminile è diventato una declinazione potente del lavoro creativo: le donne lavorano con la creatività e la manualità investendo sul proprio talento.

Vi racconto oggi l’avventura di Giulia Lentini, giovanissima, appena 22 anni, e un progetto solido che porta il suo nome: Giulia Lentini Jewellery design & maker. Studi presso la Scuola Orafa Ambrosiana di Milano e il Corso di Alta Formazione in Design del Gioiello presso il Politecnico di Milano, da 4 anni Giulia lavora sul suo brand partendo dal laboratorio che ha allestito nella sua casa. Inizia così una avventura interamente dedicata ai gioielli.

GIulia Lentini laboratorio orafo

Quelli di Giulia Lentini sono piccole opere curate in ogni dettaglio: design originali, tanti materiali differenti (ottone, argento, rame, pietre preziose) e lavorazioni altamente professionali, per gioielli che raccontano il mondo come lo vede Giulia. Pulito, essenziale ed elegante.

Questi sono gioielli per tutti i giorni, ma anche per le occasioni speciali, accessori alla moda o ricordi speciali, piccole sculture con un tocco di classico che non guasta mai, quello della lunga tradizione orafa italiana.

È Giulia stessa a raccontare i punti cardine dei suoi gioielli: artigianato, bellezza e determinazione.

Cosa vuol dire produrre gioielli unici e fatti a mano in un’epoca di moda e trend velocissimi?
Ogni gioiello nasce e cresce tra le mie mani, ogni pezzo ha bisogno di trattamenti e lavorazioni diverse, diventa unico proprio perché gli viene dedicato tempo e tanta attenzione dei particolari. Se così non fosse non si potrebbe parlare di unicità.

Le tue creazioni riflettono il tuo amore per le forme astratte e inusuali, come nasce l’ispirazione per un gioiello?
Mi ispiro alle forme geometriche e a forme organiche. Lavoro molto spesso sulle texture, rocce, cortecce, carta, visioni al microscopio, ecc. Da queste cerco poi di estrapolare dei disegni e infine delle forme. La mia ultima collezione è ispirata alle molecole dei vegetali viste a microscopio, ad esempio, mentre i gioielli da uomo sono spesso ispirati alle superfici rocciose.

La bellezza del lavoro manuale, diamo la giusta misura di tutto quello che c’è dietro un singolo gioiello: quanto lavoro ci vuole tra progettazione e realizzazione?
È una domanda a cui non riesco a rispondere precisamente in quanto tutto dipende dal modello e dalla lavorazione. Posso metterci anche una settimana, come posso metterci poche ore. Dipende se mi riesce bene subito o se ci ripenso mille volte prima di dire che è finito. Con la lavorazione a cera persa inoltre i tempi sono molto lunghi, circa 20/30 giorni perché è necessario portare la cera a fondere e ritirare il pezzo fuso dopo qualche giorno.

Hai 22 anni, ma già determinata con un progetto tutto tuo. Dal tuo punto di vista cosa vuol dire per una donna scommettere su una idea e lanciare un proprio progetto in autonomia?
Sono molto determinata e so dove voglio arrivare, bisogna essere responsabili delle scelte che si fanno secondo me, bisogna fare i conti con la realtà e capire se è fattibile o meno ciò che si sogna di fare.

Ed infine la nostra domanda di rito: qual è una cosa bella per te?
Una cosa bella per me è vedere la gente che apprezza il mio lavoro, che si rende conto di cosa c’è dietro, e saper comunicare a loro, attraverso i miei gioielli, l’amore che ho per questo lavoro.

Giulia Lentini Etsy Shop | Facebook | Instagram