Cominciamo col dire che il 2013 è stato l’anno di una ricorrenza importante. Poco più di cento anni fa accadeva qualcosa che avrebbe rivoluzionato per sempre la maniera di fare arte, di intenderla e di fruirla. Poco più di cento anni fa Marcel Duchamp pose una ruota di bicicletta capovolta su un piedistallo, la dichiarò una sua opera e la chiamò “Ruota di bicicletta”. Questo gesto ebbe ripercussioni inimmaginabili (ma che probabilmente Duchamp aveva immaginato). Stava nascendo il concetto di ready-made, un oggetto quindi già esistente e spesso appartenente alla sfera della quotidianità che, traslato di posizione e decontestualizzato, muta di codice fino a essere percepito in modo differente e nuovo. La ruota di bicicletta dunque, una volta sul piedistallo e separata dal resto, smetteva di essere una semplice ruota e diventava opera d’arte. Con questo gesto all’apparenza semplice, poco più di cento anni fa si delineava una delle strade fondamentali e più percorse dell’arte del Novecento.

Marcel Duchamp fotografato da Baruchello davanti a una delle sue opere più famose, Il grande vetro

Marcel Duchamp fotografato da Baruchello davanti a una delle sue opere più famose, Il grande vetro

Un compleanno tanto importante andava festeggiato a dovere, e presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma è stata allestita lo scorso ottobre una mostra interamente dedicata al genio di Marcel Duchamp, dal titolo Duchamp – Re-made in Italy, curata da Stefano Cecchetto, Giovanna Coltelli e Marcella Cossu, visitabile fino al 9 febbraio 2014. Una mostra che racconta il lavoro dell’artista ripercorrendo il suo soggiorno in Italia e i suoi incontri. Il fulcro dell’esposizione sono i 14 ready-made più celebri che Duchamp decise di replicare negli anni Sessanta, in accordo con lo storico dell’arte ed editore Arturo Schwarz, il quale successivamente li donò alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma. Una sezione molto ampia si snoda poi attraverso gli inevitabili influssi che Duchamp esercitò su molti artisti italiani in occasione dei loro incontri durante i suoi frequenti viaggi in Italia, con l’esposizione di alcune opere di Baj, Baruchello, Patella, Fioroni e Vaccari.

03_buoncompleannoruotadibicicletta_cosebelle

Due celebri ready-made di Duchamp

Sopra due repliche dei ready-made di Duchamp, Fontaine e Porte-chapeaux

Proprio in questo periodo gli allievi del terzo anno di Cinema della RUFA – Rome University of Fine Arts hanno realizzato dei documentari su alcune delle mostre in corso alla Galleria Nazionale, uno dei quali è proprio dedicato a Duchamp. Si intitola Overlook Marcel, è stato realizzato da Mohamed Hossameldin e Cecilia Milza, e verrà proiettato il prossimo 30 gennaio alle ore 17.00 presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, assieme al documentario Sean Scully: Change and Horizontals di Alessia Capuccini e Gioacchino D’Amico.

Un'opera di Baruchello in mostra a Duchamp - Re-made in Italy

Un’opera di Baruchello in mostra a Duchamp – Re-made in Italy

Luca Maria Patella

Luca Maria Patella

Overlook Marcel è interamente dedicato alla persona e al personaggio di Marcel Duchamp, come profondo e assoluto innovatore dell’arte, che ha rivoluzionato non soltanto le arti visive in senso stretto, ma anche le dimensioni del design, del cinema e della pubblicità. Si concentra sul modo in cui la sua figura sia stata recepita anche dai non esperti e dai non addetti ai lavori, su quanto la sua esperienza sia stata assorbita dalla nostra cultura e si ripercuota continuamente sul contemporaneo e soprattutto sul nostro quotidiano attraverso, ad esempio, la pubblicità o la diffusione massiva di immagini iconiche che rimandano all’esperienza dadaista. Il documentario cerca poi di fornire un’immagine insolita e poco raccontata dell’artista, mostrandone il lato più quotidiano, privo dell’alone ingombrante del genio artistico, attraverso i racconti di chi ha avuto modo di conoscerlo. E lo fa attraverso gli aneddoti e le parole di due artisti italiani come Gianfranco BaruchelloLuca Maria Patella, che non solo conobbero Duchamp, ma ne ereditarono e proseguirono la ricerca artistica.

DOVE&QUANDO
Roma, Galleria Nazionale dell’Arte Moderna – GNAM.  Giovedì 30 gennaio, alle ore 17.00

CREDITS “OVERLOOK MARCEL”
Regia: Mohamed Hossameldin
Autrice: Cecilia Milza, Mohamed Hossameldin
Fonico: Mario Russo
Montaggio: Miriam Palmarella
Supervisore al progetto: Raffaele Simongini

Photo credit: Cecilia Milza