A Milano.

Una band berlinese fondata a Barcellona da uno svizzero che suona una musica definita “Visual Trash Punk”.
E ancora non abbiamo parlato delle performance.

Il singolo Too much ti entra in testa e non ne esce più, provato.

Ma quello che più piace è che non solo sono ironici, sfrontati, esagerati e immediati. I testi delle loro canzoni, apparentemente nonsense al limite del demenziale, racchiudono tutta la loro filosofia di piacere e divertimento.

Ribatezzati dal Berliner Zeitung “I Bohéme analogici”, sono stati apprezzati addirittura da Quentin Tarantino, alla presentazione della sua prima del film Death Proof al Bar25, quando la band si esibì per un eccentrico afterparty.

Le loro performance teatrali sono state portate anche al cinema all’interno del film tedesco 13 Semester parodia dei tempi di studio dei “giovani” berlinesi, spesso protratti ben oltre i vent’anni per poter seguire gli innumerevoli party.
Per lasciarvi trasportare nella loro follia e vivere un po’ di quel carpe diem alla berlinese non perdeteveli il loro concerto l’11 marzo al Tunnel, Milano.