Calici luxury che tintinnano spavaldi, liquidi cristallini che danzano per noi pronti a darci gioia, bottiglie pregiate, super invecchiate o incredibilmente fermentate. Fiumi di vino, bouquet freschissimi, sapori inesplorati. Libidine, allo stato puro…SVEGLIAA! Purtroppo questa non è la realtà di questo gelido giorno di gennaio, trattasi di un ricordo che ha indossato i panni di un sogno ad occhi aperti. Le festività sono sgommate a gran velocità e la lascività enologica ha lasciato il posto all’austerità più intransigente. Le remise (o mise se si rincorre la snellezza mai posseduta) en forme regna sovrana, c’è poco da discutere. L’anno nuovo dischiude le ali un po’ per tutti imponendo patimenti e sacrifici per annullare le tracce del gozzoviglio dalle tremule carni. La prima vittima di questo regime è, ahimè, la cosa alcolica. Si deve mettere in panchina, almeno per 15 giorni. Scordiamoci i super alcolici, subdoli luciferi, cristalli di cellulite liquidi. Non se ne parla. Vino? Nonostante la sua eleganza e la gradazione ridotta non passa l’esame. Bandito, out, camminare! (Inciso: un bicchiere non uccide nessuno, regala misere 70/90 Kcal per 100 ml ma godere di una lacrima di vino senza approfondire è una punizione quasi maggiore del non goderne affatto).

Tiny Food Sculptures,  Shay Aaron https://www.etsy.com/shop/shayaaron

Tiny Food Sculptures, Shay Aaron www.etsy.com/shop/shayaaron

Potete comprendere la tristezza di questa separazione, una vera e propria violenza, ma non disperate perché l’obiettivo della privazione è nobile e il ritrovarsi dopo un po’ di astinenza sarà decisamente una cosabellaNon ce la fate a resistere? Tuffatevi nella birra, saprà darvi conforto ed è un’alternativa beverina decisamente light se assunta con moderazione (non sentitevi libere di tracannare pinte, stiamo parlando di miseri bicchierini da 150ml, siamo in regime punitivo, rimembrate). Intendiamoci, stiamo parlando di un’altra tipologia esperienziale, la birra è easy, friendly e meno impegnativa. La sua palette di sapori punta su tonalità meno variegate di quelle vinose ma saprà sicuramente stupirvi e, soprattutto, introdurrà nelle vostre flessuosa membra una ridotta manciata di calorie, decisamente meno di quanto non farebbe l’amato succo d’uva in parità di quantità.

Pur essendo un’iper fan dell’eno ho imparato ad apprezzare il frutto del luppolo. La scelta è vastissima e spazia dalle bionde, alle rosse passando per le scure e le crude. La produzione può essere artigianale (stanno spuntando come funghi produttori di birra handmade e, come per ogni cosa figlia del sudore manuale, i loro prodotti hanno una marcia in più) oppure industriale, le etichette mainstream o super ricercate. Il mood è molto più sbarazzino di quello vinoso e vi rallegrerà sicuramente facendovi sentire teenager in libera uscita. Personalmente vado pazza per le weiss, hanno una bassa gradazione, una schiuma decisamente tattile che bacia all’assaggio e un bouquet fortemente aromatico. Anche le rosse mi piacciono ma il loro bagaglio calorico è più strong.

Gamma POP Baladin

Gamma POP Baladin

Mi piace andare alla ricerca di birre strane, ricercate, inusuali per sedare la mia sete di scoperte e sapori e rendere il reshaping più  dolce. Lasciatevi ispirare dai menù super forniti delle migliori birrerie, non resterete delusi e vi sentirete nuovamente animali sociali (una dieta troppo rigida può rendere le persone disadattate, selvagge, scostanti). Potrete imbattervi in chicche notevoli come POP, la prima birra artigianale in lattina con una veste super cool, in stile popolare, frutto del visionario birrificio BaladinMi ha conquistata con il suo gusto inconfondibile, morbido, con un perfetto bilanciamento tra note erbacee e parte maltata, la sua schiuma compatta e un look davvero moderno guidato da un naming che riempe la bocca prima del sorso. POP è la mia compagna di trasgressione di questi giorni e sa davvero il fatto suo. Ode a lei e al suo delicato potere salvifico. Il nostro amore non sarà una di quelle storie da “per sempre” ma fino a quando Vino è in vacanza è un gran bell’accontentarsi. Alziamo la lattina (a metà, non vi è dato finirla!) e viviamo young pronti a sfoggiare un nuovo body.

NB non malinterpretate, la birra, pur se con gradazione ridotta, è sempre una cosa alcolica che ci si può concedere a piccole dosi in modalità light. Birra piccola o bicchiere. Non abusate!