Beloved-Things-Cosebelle

La fermata del tram è illuminata da un solo lampione; ancora non è notte ma la città è deserta, le strade immobili. La nebbia si appiccica alla pelle, il freddo si insinua in ogni dove, sospinto dal vento del nord, e i guanti di lana sono troppo scomodi per leggere.

Le ho mai raccontato del vento del nord_Beloved things_Cosebelle

Leggo di Emmi e Leo, leggo le loro e-mail che lasciano senza fiato: energia pura, allegre e a tratti un po’ inquiete. Parole travolgenti senza età e senza volume che si insinuano nelle corde vocali, nelle pupille, negli angoli della bocca, nelle narici, fino ad arrivare a lacerare lo stomaco. Imperfetto e risposte arretrate diventano la via d’uscita ad un presente senza futuro: l’incanto da orso di grandine, il compimento pieno, senza punto finale, senza data di scadenza, che vive solo nella mente.

Illustrazione di Giada Fiorindi