Questa storia di successo Made in Italy è per chi non crede ai colpi di fulmine, per chi ‘l’amicizia tra donne non esiste’, per chi non si affida ai sogni (e al magico potere delle scarpe che tutto guarisce!). E’ giunta l’ora di cambiare idea e per questo abbiamo incontrato Serena e Viviana di La Babette.

“Due amiche con lo stesso sogno di realizzare una scarpa fatta a mano, per accompagnare occasioni ordinarie e straordinarie di ogni donna.”

Collezione La Babette

La Babette nasce come brand nel 2015, ma affonda le sue radici molto prima, tra i banchi di una scuola materna. Qual è il primo ricordo che avete una dell’altra?
Si, la nostra amicizia nasce ai tempi della scuola materna perché, nonostante la differenza di un anno (Serena è più grande), abbiamo frequentato la stessa struttura di un piccolo paese.
Viviana: Il primo ricordo che ho è un disegno in cui, sia io che Serena, abbiamo fatto il contorno della nostra mano destra sullo stesso foglio. Sai quando segui la linea con il pennarello colorato? Mia mamma ha tuttora quel disegno!
Serena: I pomeriggi passati a giocare a fare le maestre a casa dei nostri nonni.

Da amiche del cuore ad amiche imprenditrici: come siete arrivate alla creazione di un marchio di scarpe?
Viviana: Abbiamo sempre desiderato un progetto insieme dopo aver condiviso tutto: il luogo d’origine, la scuola, l’adolescenza, gli anni di convivenza a Milano per l’università. Mancava solo il lavoro, un’idea comune che rappresentasse la creatività di Serena e la mia imprenditorialità.

Come mai avete deciso di puntare tutto su un paio di ballerine modello t-bar?
Siamo noi stesse consumatrici seriali di ballerine e ad un certo punto abbiamo cercato di creare da sole quello che ci piaceva ma che non trovavamo da nessuna parte.

Collezione La Babette

Collezione La Babette

Le vostre calzature sono realizzate interamente in Italia. Dove vengono prodotte? Ci raccontate le varie fasi del processo creativo che stanno dietro ad un paio di La Babette?
Le nostre ballerine vengono prodotte nel Nord Italia, in una realtà di artigiani a conduzione familiare. Non sveliamo di più perché la ricerca che ci ha portato a loro è stato il passaggio più lungo e impegnativo di tutto il lavoro. La scarpa è artigianale in ogni sua fase di lavorazione: dal taglio del pellame alla cucitura fino al finissage. Abbiamo deciso di documentare questi passaggi con degli scatti perché è davvero affascinante seguire la lavorazione a mano, l’attenzione per i dettagli, il profumo della pelle che si sprigiona.

Collezione La Babette

Scrivere di come nasce una Babette è come raccontare una bella storia, con un sarto che disegna il cartamododello e il profumo della pelle e del cuoio. La scelta dei colori e dei materiali traccia i primi passi di ogni collezione. Parole come impressione del logo, suolettatura, orlatura, finissaggio… diventano il nostro sinonimo di Made in Italy che è qualità e accuratezza. Artigianalità. Le prepariamo per voi riposate, con la velina che ha un lieve profumo che ci piace. Tutto il processo creativo parte da un disegno di Serena su un foglio di carta una sera a casa mia, nessun dettaglio è scelto a caso soprattutto la posizione del laccetto che deve slanciare il piede femminile liberandolo dall’agonia della caviglia :). Poi grazie all’esperienza dei nostri artigiani, siamo riuscite a trasformare l’idea e il disegno nel modello che desideravamo per la nostra Babette.

Collezione La Babette

Pensate di ampliare la vostra offerta proponendo anche altri modelli di scarpe?
La T-Bar è la protagonista della nostra scarpa. Stiamo progettando delle novità in tema di dettagli e di materiali, ma il nostro sogno è arrivare un giorno ad essere il riferimento della T-Bar. T-Bar uguale La Babette (si, siamo due entusiaste!).

Se poteste scegliere a chi far calzare le vostre scarpe, a chi vi piacerebbe vederle ai piedi?Ti diamo una risposta da sognatrici: ci piacerebbe Kate Middleton!

Collezione La Babette

E, infine, la nostra domanda di rito: qual è la vostra cosabella?
La nostra cosa bella è “l’equilibrio con cui riusciamo ad essere amiche e socie“, senza che l’una contamini l’altra sfera. Questa è la cosa più importante che auguriamo a chi ha o avrà un’esperienza come la nostra.

__

La Babette è anche su Facebook e Instagram
Photo Credits: La Babette, Giulia Russo

Scopri tutti i post di BELLO E FATTO A MANO su Cosebelle Magazine | Cover by Mariachiara Tirinzoni