Ce lo diceva già Orazio con “carpe diem“, cioè cogli l’attimo senza pensare al domani, ci ha poi pensato il bravissimo Saint-Exupéry con “Il Piccolo Principe“, un vero e proprio inno ad assaporare le piccolezze della vita con il cuore, ora ci pensano #100happydays e “Happy” di Pharrel Williams.

Il primo è un progetto fotografico che vuole farci aprire gli occhi sulla bellezza delle piccole cose che ci circondano tutti i giorni e che quindi propone di pubblicare e condividere sui social network una foto al giorno per 100 giorni sul bello celato nella nostra quotidianità con hashtag #100happydays. Non si tratta di mostrare a tutti la nostra felicità, ma di rendersi conto di quello che ci rende felici, di diventare più ottimisti, di vedere il lato positivo delle nostre giornate, collezionando 100 momenti significativi. Per partecipare al progetto basta andare sul sito di 100happydays, iscriversi e poi pubblicare il vostro amore per le piccole cose, alla fine del vostro percorso verrà realizzato un libricino con i vostri 100 scatti.

happy, 100 happy days, happiness

Happy” di Pharell Williams è una canzone talmente allegra e contagiosa che ha un sito apposito – “24 hours of happy” – dove è possibile visualizzare un video che dura ben 24 ore che ha per protagonisti il cantante, i Minions (personaggi del cartone animato “Cattivissimo me 2” di cui la canzone è colonna sonora), celebrities e persone normalissime di Los Angeles.

happy, happiness, music, pharrel wlliams, song
happy, happiness, music, pharrel wlliams, song, video happy, happiness, music, pharrel wlliams, song. video

Il successo è stato così immediato e facilmente replicabile che, come segno di gratitudine nei confronti di Pharell Williams, due ragazzi di Los Angeles hanno pensato di raccogliere nel sito “we are happy from” i video girati in tutto il mondo da persone che ballano e si divertono, nei luoghi (e nei momenti!) più disparati, sulle note di “Happy” per condividere con tutti questa contagiosa felicità.

Because I'm Happy_Cosebelle_00

Insomma, la lezione sembra chiara, universale e senza tempo: enjoy little things! 🙂