Questa primavera sta portando tantissime novità qui a Budapest!

E se è chiaro che c’è di mezzo lo zampino delle imminenti elezioni politiche, sta di fatto che questo fine settimana in città è stato per tutti una festa, complice il clima, il Festival di Primavera e le meravigliose installazioni di carta firmate Edinas (di cui vi parlerò meglio prossimamente), in alcune vie e piazze del centro.

ariadifesta,abudapest_cosebelle_04

Erzsébet tér, Budapest

Erzsébet tér, Budapest

Le installazioni di Edinas all’Erzsébet tér, Budapest

Quest’aria di rinnovamento è dovuta a molteplici eventi: l’apertura, tanto, troppo attesa, della quarta linea metropolitana, contraddistinta dal colore verde, e delle sue bellissime stazioni, alcune delle quali progettate dal gruppo di architetti Sporaarchitects, e l’inaugurazione dell’Erzsébet tér rimesso a nuovo con conseguente riapertura del Design Terminal.

M4, nuova stazione metropolitana a Gellért tér, Budapest - progetto Sporaarchitects

M4, nuova stazione metropolitana a Gellért tér, Budapest – progetto Sporaarchitects

M4, nuova stazione metropolitana a Fővám tér, Budapest - progetto Sporaarchitects

M4, nuova stazione metropolitana a Fővám tér, Budapest – progetto Sporaarchitects

Risalgono a qualche giorno fa, la riapertura dell’Eiffel Palace, storico palazzo del centro che per anni ospitò le redazioni dei più famosi quotidiani ungheresi, i cui interni ci raccontano di un’epoca piena di fascino, l’inaugurazione della piazza che circonda il Parlamento, sul lungo Danubio, e quella della Lepke Ház (o casa farfalla), nuova installazione sempre all’Erzsébet tér.

Lepke Ház, Erzsébet tér, Budapest

Lepke Ház, Erzsébet tér, Budapest

Lepke Ház, Erzsébet tér, Budapest

Lepke Ház, Erzsébet tér, Budapest

Eiffel Palace, Budapest

Eiffel Palace, Budapest

Eiffel Palace, Budapest

Eiffel Palace, Budapest

Dobbiamo attendere ancora qualche giorno per la riapertura della Scalinata monumentale che porta al Palazzo Reale a Buda, rimasta chiusa al pubblico per molti anni, poichè necessitava di una vasta opera di restauro.

Noi stranieri, ormai di casa a Budapest, ma senza alcun potere di voto, ci godiamo la festa e le tante novità in attesa che il vento elettorale si plachi e che il nuovo mandato venga assegnato!


La fonte di alcune foto comparse in questo articolo è il web!