angelo_caroli

L’abbiamo (obbligatoriamente) citato più di una volta perché in Italia si può chiamarlo – senza grossi problemi – il re del Vintage. Ultimamente, lo abbiamo visto impegnato col suo archivio monumentale al Museo del Tessuto di Prato e a Firenze per il super evento Vintage Selection.

Angelo Caroli, in arte A.N.G.E.L.O., ha avuto e continua ad avere un ruolo fondamentale nella rivalutazione del second-hand e della filosofia dell’usato di qualità in Italia, in primis col suo magnifico Vintage Palace a Lugo. Ha iniziato ad interessarsi al vintage già dalla fine degli anni ’70, quando “la moda della nostalgia” in Italia era ancora ben lontana: si può dire sia stato, decisamente, un pioniere nel senso più stretto del termine. Stando ad alcune sue dichiarazioni, lui stesso ha subito un’evoluzione spostando nei decenni la propria attenzione di acquirente (e fruitore) di vintage dall’America al’Europa e poi, irrimediabilmente, all’Italia, consolidando negli anni una propria linea d’operatività.

© Giacomo Brini. Abiti da sera Callaghan, foulards Oscar de la Renta e Pierre Cardin.

© Giacomo Brini. Abiti da sera Callaghan, foulards Oscar de la Renta e Pierre Cardin.

Il frutto più evidente del suo lavoro è racchiuso nel Vintage Palace di Lugo: parliamo di una collezione immensa, visitabile su appuntamento, che arriva a contare ben 100000 tra capi e accessori databili tra la fine dell’Ottocento e gli anni Novanta. Si tratta di capi dal valore inestimabile, vere e proprie opere d’arte in tessuto che sono ovviamente non vendibili ma utilizzabili, su richiesta di addetti del settore, per servizi di moda, musica, per esposizioni o necessità cinematografiche: i capi di quest’archivio sono, spesse volte, i grandi protagonisti delle pagine più belle delle maggiori testate di moda contemporanee. I trattamenti che gli abiti subiscono (quelli più antichi in particolar modo) sono davvero museali: la delicatezza dei tessuti di fine Ottocento e di primo Novecento è preservata grazie ad un lavoro pedissequo di archiviazione e conservazione (mediante uso di carta velina) e riesce a non stonare, idealmente, persino di fianco al nucleo della jeanseria e del militare, nutrito e fondante nell’archivio.

Angelo_vintage_palace_cosebelle

Ovviamente, accanto al meraviglioso archivio d’annata, presso il Vintage Palace è presente uno shop nutritissimo (aperto dalle 10:30 alle 19:30 escluso il lunedì mattina) che fa di A.N.G.E.L.O. una tappa immancabile per i malati di vintage che si avvicinano all’usato per gusto o, sempre più spesso, per scelta. Abbiamo sottolineato più volte, infatti, come il vintage di professione non esuli mai da una consapevolezza, reale, legata al suo riuso strumentale e all’utilizzo legato all’ecosostenibilità di un capo in buono stato facilmente indossabile. Lo scarto sociale attuato da alcuni operatori del settore negli ultimi tempi, come nel caso di Angelo Caroli, ha infatti lentamente scavato una nuova coscienza nel fruitore specializzato e non solo: fino a qualche tempo fa, quello che era usato era – nell’opinione comune – vecchio, povero e riutilizzato (eventualmente) solo per necessità. Oggi come oggi l’usato, invece, se di buona qualità può essere – nel maggior parte delle volte – molto più affascinante di un capo nuovo che ha poco da raccontare e che magari, in quanto a qualità, è scadente. Per questo motivo, ogni acquisto vintage di qualità è una dichiarazione d’intenti, simile a quella che campeggia a chiarissime lettere sul sito stesso di Angelo Caroli: “A.N.G.E.L.O. ha sposato un’etica ecologica prima ancora che diventasse di moda. La filosofia dell’azienda è quella di vestire persone che compiono una scelta di recupero etica oltre che una scelta stilistica. I nostri clienti, come noi, credono che la moda sia fatta di emozioni, di ricordi e di racconti. Ma anche di curiosità e gioco: il desiderio di riutilizzare abiti già appartenuti ad altre persone in differenti esperienze di vita, il valore ed il fascino di pezzi unici da riutilizzare secondo il proprio stile personale rendono A.N.G.E.L.O. Vintage Palace di Lugo (RA), sede dell’azienda, un posto magico.”!

vintage_clothing_a.n.g.e.l.o._cosebelleSull’onda della personalizzazione gli stessi capi all’interno dello store A.N.G.E.L.O. hanno trovato un loro valore eco ed un loro significato in questo senso; trovano spazio le creazioni di designer di riciclo (Stefania Bertoni e La Tilde) ed ovviamente, ancora di più, la linea A.N.G.E.L.O. and Partners che, sfruttando la collaborazione con il produttore d’abbigliamento Angelo Ciavatta, si è fatta forte di una realtà stilistica a metà tra le concezioni di “vintage, riciclato e artigianale”

cento_teste_a.n.ge.l.o_

 

Se volete dare uno sguardo ai capi e agli accessori in vendita, potete intanto visitare i siti per lo shopping online con le meraviglie di Angelo Caroli (www.shop.angelo.it/ e www.farfetch.com/boutiques/italy.aspx). Sono sicura che, dopo dieci minuti, sarete già in auto in direzione Lugo o in alternativa (se siete più vicini) in direzione Firenze per il punto vendita Angelo Vintage Clothing.