cosebelle_altainfedelta_00

Magari non si voltano quando passa una bella ragazza per la strada. O magari lei non guarda il migliore amico di lui con tenerezza civettuola. È che ormai i modi per farlo sono infiniti, e forse è anche meglio fare finta di nulla nelle circostanze più ovvie. Tra app, chat, social network, lavoro fuori casa non tradire sembra quasi essere diventato uno sport estremo. Chi vi parla è un’anonima persona perbene, che non vuole dare nessun giudizio in merito e non vuole mettere sul banco degli imputati le proprie esperienze, sempre che ce ne siano. Sia chiaro. A questo ci pensa Alta Infedeltà, il nuovo programma di Realtime (canale 31) che dal 16 marzo va in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì alle 20.40.

E siccome il tema non era già abbastanza scottante, pruriginoso, complicato, la produzione ha ben pensato di dare il via al tutto in un modo sobrio sobrio: una serie di lettere pubblicate sul Corriere della Sera a tutta pagina, scritte prima dall’ex marito tradito che aveva scoperto la tresca, tal Enzo, e poi dalla fedifraga Lucia. Roba che tira in ballo persino Alessandro Manzoni, per dire.

cosebelle_altainfedelta_01

Dopo un po’ di maretta generalizzata, i nomi sospetti e i colori tipici del canale di Discovery hanno presto fatto capire dove si voleva andare a parare. È il viral marketing, bellezza. Ma veniamo a noi: è così facile tradire? È così difficile essere scoperti, grazie ad app sempre più utili allo scopo e siti internet che non celano per nulla fino a dove vogliono far arrivare i proprio iscritti? Beh, le storie di Alta Infedeltà iniziano nei modi più semplici come il luogo di lavoro o lo sciopero della metro, fino alla lezione di tango o la palestra. Ci sono storie che sembreranno durare per tutta la vita e passioni che invece travolgono in un istante. E hanno tutti un modo omogeneo di raccontare la storia: la versione del traditore (o della traditrice) e quella del marito o della moglie tradita. Quali saranno gli stati d’animo? Cosa proverà il fedifrago quando scoprirà di essere scoperto? E se una storia di una sera mettesse fine ad anni di matrimonio?
In un crescendo di indizi, sospetti, storie che non coincidono e bugie, Alta Infedeltà è un almanacco delle infinite sfaccettature dell’amore infedele.

cosebelle_altainfedelta_02

Voi siete (e pure noi siamo) liberissimi di continuare a credere nell’amore eterno e nel per sempre, perché non è mica sempre vero che se è successo a qualcun altro un giorno o l’altro potrebbe capitare anche a te. Sappiamo tutti che l’amore sarà di certo una gioia, ma è anche una gran fatica. Tutto sta nel non cedere, nemmeno per cinque minuti. O perlomeno, nel farlo senza testimoni. Dopotutto, “quando c’è di mezzo un tradimento la verità non è mai una sola”.

Se state già iniziando a controllare telefonini e cronologia delle chat del vostro partner state calmi, intanto magari iniziate con questo velocissimo test (che pare pure azzeccarci). Magari non serve andare in iperventilazione e potete continuare a dormire sonni tranquilli.

Ma quella partita a squash perché poi è durata così tanto?

Buzzoole