Ai Weiwei: New York Photographs 1983–1993

Di Ai Weiwei si parla talmente tanto, del suo arresto e successivo rilascio, che il web è invaso solo di informazioni riguardanti questo fatto di cronaca e quasi ci si dimentica delle sue mostre e progetti recenti.
Una su tutte, la mostra organizzata dall’Asian Society Museum di New York che raccoglie per la prima volta tutto il materiale fotografico prodotto dall’artista durante il suo soggiorno, durato dieci anni, dal 1983 al 1993.

“La New York che conoscevo non esiste più. … Guardando indietro al passato, vedo che queste fotografie sono fatti, ma non necessariamente la realtà. … Il presente supera sempre il passato e il futuro non si preoccupa del presente”.

Era stato arrestato sei mesi fa per frode fiscale, questa la giustificazione che il governo cinese ha dato alla stampa internazionale. Nella realtà è uno degli artisti considerati dissidenti dal governo e per tanto costantemente monitorato. Forse, anche per la pressione dell’opinione pubblica internazionale, forse per le varie manifestazioni organizzate in tutto il mondo, una tra tutte la Biennale di Venezia che, oltre ad essere invasa di borse rosse con la scritta “free ai weiwei”. Il direttore in persona ha scritto al governo Cinese una richiesta per il rilascio dell’artista. Poche settimane dopo è stato liberato, anche se ancora agli arresti domiciliari…

Ai Weiwei: New York Photographs 1983–1993
Dal 29 Giugno al 14 Agosto 2011
Asia Society Museum
725 Park Avenue (at 70th Street)
New York, NY 10021