Da quando Cosebelle Mag esiste, di posti belli dove prendere un ne abbiamo scovati ovunque (per esempio qui & qui) e continueremo a cercarne in giro per il mondo. Ma se anche per voi, sotto sotto, tenere tra le mani una tazza della seconda bevanda più bevuta al mondo fa rima con “piacere domestico“, ecco 4 proposte design legate al tema tea time at home, per 4 tipologie di bevitori: niente servizi e teiere (cui dedicheremo un post a parte), solo idee complementari. E già che ci siete non dimenticate di mettervi alla prova con il nostro DIY sulla cerimonia del tè!

I precisini

UNA CASA DA TÈ_Cosebelle_04

Teò, cucchiaino da tè/tisane by DESIGNSTUDIO LUCY.D per Alessi

Selezionato lo scorso settembre per il “Premio nazionale austriaco per il design 2013”, Teò è il cucchiaino da tè e tisane prodotto da Alessi e firmato dalle designer Barbara Ambrosz e Karin Santorso – DESIGNSTUDIO LUCY.D. Con la sua scocca in acciaio inossidabile permette di strizzare, senza bagnarsi, il filtro del tè dopo averlo lasciato in infusione; quindi ne diviene il contenitore, senza costringervi a ricorrere ad altri accessori da cucina. Date un’occhiata ai disegni per comprenderne le modalità d’uso. E siete in cerca di un’idea -davvero originale- per risolvere definitivamente la questione “bustina”, optate per il tea-calendar!

I raffinati

UNA CASA DA TÈ_Cosebelle_03

Strofinaccio-tovaglietta “Big Sister” by Lisa Bengtsson – Cover by website

A CASA PER UN TÈ_05_cosebelle

Strofinaccio-tovaglietta by Lisa Bengtsson

 

Lisa Bengtsson è una designer svedese, artefice di meravigliosi pattern per tessuti, porcellana e carta da parati: silhouette, volti femminili e simpatici cagnolini sono alcuni dei soggetti ricorrenti; dieci sono le illustrazioni della sua collezione di strofinacci per la cucina. Diciamolo: utilizzare queste meraviglie esclusivamente come canovacci sarebbe un sacrilegio. Prendete, ad esempio, “Big Sister“: forse anche voi fareste fatica a vederla appesa ad un gancio metallico accanto al lavandino, facilmente raggiungibile dalle mani del vostro ragazzo… Meglio darle un ruolo di primo piano e utilizzarla come tovaglietta personale per la colazione o la merenda! Disponibile sul mercato dal 2010 è realizzata in cotone e cellulosa, ha dimensioni contenute (poco meno di un foglio A4, 175 x 200 mm) e potete  associarla anche alle tazze più comuni.

I “mangia&bevi”

UNA CASA DA TÈ_Cosebelle_01

Piatto “Bocconotti“, Gastrode’sign Collection by Usopposto

Con la scusa del tè, in pochi resistono alla tentazione di torte, biscotti e muffin. Anche i bocconotti, tipico dolce del sud Italia e in particolare della Puglia, potrebbero essere l’abbinamento perfetto per una pausa di questo tipo: se però non siete dalla parti di Bari&dintorni e non potete quindi provarne uno proprio ora (come la sottoscritta), rimediate regalandovi uno dei deliziosi piatti in ceramica di Usopposto, studio di graphic&product design con base a Grottaglie. Esposti a Torino nell’ambito di Operae-Indipendent Design Festival, questi piatti fanno parte della Gastrode’sign Collection, una serie ideata per la pubblicazione del volume “La Puglia in un piatto”: a ciascuno è associata un prodotto o una ricetta del Tacco d’Italia. Quale miglior appoggio per una fetta della vostra torta?!

I meditativi

UNA CASA DA TÈ_05

© Nacasa & Partners

Pesa appena 6 chilogrammi, ha un diametro di meno di 3 metri e si può piegare come un ombrello di bambù che poi è l’oggetto a cui si ispira. L’Umbrella Teahouse progettata dall’architetto giapponese Kazuhiro Yajima è un padiglione autoportante, rivestito in carta di riso traslucida e con struttura in canne di bambù, al cui interno potreste dedicarsi alla cerimonia del tè, meglio se attenendosi al rituale orientale. Una stanza tutta per se’, solo quando serve.