Pallets, pvc, rotoli di cartone. Sono questi i principali materiali, rigorosamente di recupero, impiegati nell’allestimento del Sottomura Porta San Pietro, l’ampio spazio all’aperto lungo la cinta muraria di Ferrara dove da mercoledì a domenica della scorsa settimana si è tenuta 4GDA +1. Lanterne, sedute, portale di accesso, oltre alla grafica di tutti gli stand presenti, sono stati ideati e realizzati da giovani professionisti (architetti + designer) e studenti, guidati dal team di Basso Profilo, l’associazione artefice della trasformazione della festa della facoltà di architettura ferrarese in un’iniziativa multidisciplinare, distribuita in un arco temporale più vasto.

Sedute e lanterne: i disegni di progetto del team di Basso Profilo

Il luogo in cui i ragazzi coivolti nell’iniziativa hanno dato vita all’allestimento sono i magazzini fluviali, a Palazzo Savonuzzi, lungo la darsena del Po, proprio nel centro storico di Ferrara. E’ qui che sta nascendo WUNDERKAMMER, il consorzio costituitosi tra l’ APS Basso Profilo, l’ Ass. sportiva Katabasis e l’Ass. 4oldPC, vincitori dell’edizione 2012 del bando “INCREDIBOL”, il cui obiettivo è divenire un “catalizzatore sociale e culturale“. Saranno prossimamente impegnati nella promozione di progetti di formazione e sportivi, di workshop, mostre e nella predisposizione di spazi da destinare al co-working.

Cuore dell’appuntamento, seguito anche sul profilo Instagram di Cosebelle, è stato il programma musicale, con l’alternarsi di djset e concerti live: mentre nel centro città si spegnevano le luci degli incontri di Internazionale, aveva inizio la lunga nottata al Sottomura.

Photo credits: Valerio Di Mauro| Basso Profilo