Inizia finalmente la stagione estiva, la parola d’ordine per i prossimi mesi è festival, festival e ancora festival (ma anche Biennale)!

Il teatro entra nella modalità en plein air spostandosi nelle strade. Basta spazi chiusi, platee un po’ grigie e stantie! Via libera alle città, agli spazi verdeggianti, luoghi isolati e da scoprire, che si lasciano conquistare e travolgere dagli spettacoli a cielo aperto. Per questa puntata di giugno mi sembra però doveroso segnalarvi, cari cosebeller, un festival molto importante, che si affaccia alla sperimentazione, alla contemporaneità – come per altro da sempre in linea con la sua storia – sto parlando della Biennale di Danza e Teatro, che si svolge in questo periodo nella città bagnata dall’acqua: Venezia!

In questi giorni è di scena la danza,  guidata dalla direzione artistica di Virgilio Sieni che ci porta nel mondo simbolico, mistico e poetico del corpo attraverso le molteplici letture e drammaturgie che esso manifesta. Il titolo della decima edizione è “Senza il mio corpo lo spazio nemmeno esisterebbe”.

Teatro_Venezia_Biennale

S’indagherà proprio il senso della trasmissione, della tattilità fisica e poetica attraverso uno sguardo sulla natura dei luoghi e la visione della città che diventerà abitata dal gesto della danza, ponendo gli elementi primari dell’uomo in dialogo con il contesto urbano: equilibrio, gravità, movimento.

Troveremo, dunque, il danzatore/ il coreografo/ l’artista in dialogo con il luogo del corpo e gli spazi della città per intravedere una sorta di filo conduttore, non visibile, ma principalemente tattile  dallo spazio teatrale a quello pubblico, dalla trasmissione alla condivisione. Il programma è intenso, ospita 25 danzatori e coreografi della scena contemporanea, autori di 32 titoli, di cui 9 sono presentati in prima mondiale e altrettanti in prima per l’Italia. Gli spettacoli si snodano ciclicamente all’interno della città (dalla tarda mattinata a sera), costruendo delle mappature tra gli spazi della Biennale all’Arsenale (Teatro Piccolo Arsenale, Sale d’Armi, Teatro alle Tese, Tese dei Soppalchi) e luoghi sia all’aperto che al chiuso distribuiti tra i sestieri di San Marco, Dorsoduro, Castello, fino all’Isola di San Giorgio!

Tantissimi i nomi che presenti in queste giornate ricche di danza da Sandy Williams a Daniele Ninarello, Marina Giovannini, Claudia Castellucci, Nacera Belaza, Isabelle Schad, Maguy Marin, Virgilio Sieni, Francesca Foscarini e tanti altri.

Tutto il programma completo qui.

La Biennale Teatro avrà inizio dal 26 luglio al 14 agosto. Esattamente un mese dopo la danza lascerà spazio alla sperimentazione teatrale sotto la guida di Alex Rigola.

tese-teatro-venezia

Teatro delle Tese

Registi, attori, drammaturghi non sono solo gli autori e protagonisti degli spettacoli ospiti, ma diventano partecipanti attivi del Festival per tutta la sua durata in qualità di maestri dei giovani artisti selezionati della Biennale College – Teatro.  Parallelamente ai 10 spettacoli ospitati si svolgeranno 17 laboratori e 19 gli incontri in programma con tutti gli artisti del Festival.

Rigola, in linea con le scelte fatte negli anni passati, propone un teatro di forte impatto, che aggredisce la realtà attraverso la riscrittura e la trasfigurazione dei classici, con azioni sceniche che portano la vita reale e i suoi reali protagonisti in scena, o ancora con il pubblico che diventa co-protagonista dello spettacolo sconvolgendo le regole del fare teatro. Tra i nomi presenti: Babilonia Teatri, Willem Dafoe (si si proprio lui!), Societas Raffaello Sanzio, Pascal Rambert, Toni Servillo, Motus e tanti altri. Ogni sera la città sarà animata da spettacoli, anche micro (come quelli di restituzione dei laboratori, che si svolgeranno durante quel periodo) di 20 minuti appena, oppure anche di “primi studi” frutto del periodo di residenza degli artisti durante la biennale.

Il programma completo qui

Non ci sarà da annoiarsi per chi decide di passare qualche giorno o anche semplicemente una giornata nella città eterna. Allora, un giretto a Venezia da qui al prossimo mese, lo programmate?