A giugno a Barcellona succede di tutto e noi sì, siamo tante, ma mica ubique. Questo ad esempio è il weekend del Sònar, l’altro super festival catalano. Quello più elettronico e carico, diciamo. Lo si capisce subito, sin dai press-pack. Se quelli del Primavera pensano alle vostre tube di Eustachio donando dei pratici e un po’ tristi tappini per le orecchie (un paio di anni fa pure con i cordoncini, tipo occhiali da professoressa di filosofia), quelli del Sònar pensano alle vostre tube di Falloppio e agli effetti delle strobo, e vi portano in dono preservativi e collirio. Ecco, per dire.

sonar-2016-noireve

Foto di Nicholas David Altea

A questa super festa sensoriale purtroppo noi non parteciperemo in prima persona, ma abbiamo pensato che nulla ci doveva impedire di mandare un nostro emissario. E chi poteva farlo meglio di un’artista che si esibirà proprio su quei palchi? L’emergente Noireve (all’anagrafe Janet Dappiano) è una giovane producer e deejay trentina che ha già fatto un po’ di cose super interessanti, tipo condividere il palco con artisti come KVB, Tama Sumo, Holly Herndon, Casa del Mirto, Drink To Me, Yakamoto Kotzuga e Verdena e tipo vincere il contest Converse e registrare alle Officine Meccaniche un brano con il supporto del Grammy Hector Castillo. Il suo primo ep, Viaggio Immobile, è uscito meno di una settimana fa per INRI e contiene proprio il brano registrato con Castillo e un remix. Le influenze sono chiaramente londinesi, ma non solo. Per suggellare questo patto tra Cosebelle e Noireve, infatti, Janet ha prodotto per noi un inedito che tutto ha a che vedere tranne con il clubbing d’Albione. Ma fa pensare all’India, alle sue tanto care sonorità chill e oniriche. Ecco quello che Janet ci racconta di Untitled «In questo brano volutamente lasciato senza titolo ho scelto di esplorare  l’intersezione del mondo musicale classico indiano con quello contemporaneo dei live electronics, e con jacopo bordigoni al sitar e shanthi roat alla voce abbiamo dato vita a una serie di improvvisazioni. Questa è un alap, ovvero un preludio improvvisato su una data scala senza accompagnamento ritmico..Buon ascolto!».

noireve-sonar

Non la trovate perfetta per le vostre meditazioni? Noi vi consigliamo di provarla magari mentre vi cimentate in qualche asana. Nel frattempo, Noireve si esibirà proprio stasera al Sònar de dia, venerdì 17 giugno alle 20 al +D stage, scelta da Soundreef per presentare al festival le nuove sonorità elettroniche italiane. Se siete da quelle parti, segnatelo tra i live da sbirciare. Se no, non preoccupatevi, la prossima settimana ci racconterà com’è andata in una sorta di diario. Pas mal!

L’Untitled di Noireve