Dio, quanto manca ancora ad agosto, al sole caldo, al mare blu? Troppo. Sempre troppo. Un po’ per ovviare al problema, un po’ per sognare, un po’ per rosicare, questa settimana andiamo in Belize, nel Mar dei Caraibi. A circa 60 km da Belize City, al centro dell’atollo di Lighthouse Reef, si trova la Great Blue Hole (o “Grande Voragine Blu”): un “buco” nel Mar dei Caraibi, delimitato da un bordo praticamente circolare. A parte apparire fantastico, non è però un fenomeno unico: esistono altre voragini simili nel Mare delle Bahamas e nel Mar Rosso. Questa è forse la più grande conosciuta, visto che ha un diametro di circa 300 metri e una profondità di 124 metri.

Vista satellitare del Lighthouse Reef Jesse Allen - NASA Earth Observatory

Vista satellitare del Lighthouse Reef
Jesse Allen – NASA Earth Observatory

Ma la Great Blue Hole cos’è? Come si è formata?

Si definisce una grande dolina carsica subacquea, si formò come una grotta calcarea durante l’era glaciale (il livello del mare era circa 100 metri più basso di ora); quando l’acqua è tornata a salire, la pressione esercitata sulla volta esterna l’ha portata a collassare, dando forma ad una valle di crollo sommersa, a una voragine (in cui chiaramente l’acqua appare più blu data la profondità che raggiunge, mentre intorno la sabbia vicina alla superficie fa apparire l’acqua molto più chiara). La presenza di stalagmiti e stalattiti conferma che in origine questa grotta fosse su terraferma.

Com'è fatta la Great Blue Hole

Com’è fatta la Great Blue Hole

Magari questa non è una meta per tutti, ma è sicuramente una delle più agognate dei sub. Il primo che la esplorò fu Jacques Costeau nel 1971, a bordo della sua Calypso, che dopo averne visitato i fondali la annoverò fra i dieci siti di immersione più interessanti al mondo. Le molte specie animali che si possono ammirare comprendono pesci pappagallo (tra i più grandi del mondo), squali toro, squali nutrici, squali martello, squali pinna nera del reef, cernie giganti.

da Shutterstock

Qualche anno fa è tornata a far parlare di sé grazie ad un’impresa incredibile ripresa in un video: il campione di apnea Guillaume Nery fa base jumping lanciandosi dal bordo fino alle profondità della Great Blue Hole. IN APNEA. Un video da pelle d’oca, ogni volta.

Guillaume Nery si tuffa nella Great Blue Hole

Guillaume Nery si tuffa nella Great Blue Hole

Per chi non fa immersioni, e dopo aver fatto un giro in barca non gliene frega più niente della voragine blu, sempre in Belize, c’è l’isola di Cayo Ambergris, la più vicina al sito di immersione, con spiagge tropicali, acqua trasparente e hotel di lusso.

La Belize Barrier Reef, a cui appartiene la Lighthouse Reef, è riconosciuta dall’UNESCO come Patrimonio dell’umanità.