“In pale moonlight / the wisteria’s scent / comes from far away.”  Yosa Buson

Da dove arriva , questo delicato profumo di fiori di glicine, così tipico di ogni primavera? Effettivamente da molto lontano, come dice l’haiku stesso (NdA: gli haiku dicono sempre la verità).

© P-Zilla

© P-Zilla

Esattamente da 90 km a nord di Tokyo, dall’Ashikaga Flower Park, in Ashikaga City, Tochigi Prefecture. So che vi ci ho già portato in Giappone, proprio a vedere dei fiori. Mi viene il dubbio che sia l’unico posto sulla terra in cui ancora fioriscono, oppure l’unico posto che ancora ne rispetti il valore e la bellezza… oppure sono io che scovo solo parchi giapponesi!

In ogni caso Ashikaga Flower Park è davvero spettacolare, colorato in ogni stagione da fiori diversi con abitudini diverse. E questa tabella, trovata sul sito del parco, chiarisce il concetto alla perfezione:

dal sito di Ashicaga Flower Park

dal sito di Ashicaga Flower Park

Questo è il più grande giardino di glicine del Giappone. Ve ne si trovano tipi diversi: il glicine dalla luce rosa, quello viola, quello bianco, la varietà di giallo Kibana, quello a doppio petalo. È una pianta molto importante nella cultura giapponese, rappresenta l’amicizia: la tradizione racconta che gli Imperatori erano soliti portare bonsai di glicine in regalo, durante i loro viaggi, a dimostrare benevolenza ed apertura al dialogo. Per il buddismo è simbolo di umiltà e riflessione. Da meta aprile a meta maggio, le attrazioni regine dell’Ashikaga Flower Park sono un glicine gigante e centenario, i cui rami carichi di grappoli fioriti sono supportati da pali, a creare un enorme ombrello profumato che potrebbe arrivare a coprire 600 tatami.

© getty

© getty

© Hideya Hamano

© Hideya Hamano

© Hideya Hamano

© Hideya Hamano

Tra le attrazione anche tunnel di 80 metri di glicine bianco, un tunnel della stessa lunghezza con la tipologia Kibana, dai caratteristici fiori gialli:

dal sito di Ashicaga Flower Park

dal sito di Ashicaga Flower Park

Sparsi per il parco, sono presenti più di 350 alberi di glicine in fiore:

© Arifudin Achmad

© Arifudin Achmad

Via, via, che non si perda altro tempo! E, mi raccomando, tornate con gli zaini pieni di gadget e regalini dalla paese del Sol Levante!