Giornate che si allungano, neofiti della corsa che attraversano le strada senza guardare, giornali e tv che iniziano a proporre servizi dedicati al dimagrimento facile-veloce-nei punti giusti e amici che prenotano trattamenti dall’estetista per prepararsi all’abbronzatura sono i classici esempi di panico da inizio della bella stagione. Eppure c’è un modo così semplice per evitare la prova costume: organizzare un viaggio in Islanda. 

viaggio in islanda valigia cosa portare

Tra ghiaccio e fuoco

L’Islanda è un luogo che a mio avviso è molto difficile non amare, certo se siete tipi da tropici tutto l’anno mi direte “fa freddo, c’è sempre vento, ci sono solo vulcani, ghiaccio e strade deserte”, il che riassume in linea di massima la geografia dell’isola, eppure rimane una terra che ti distrugge con la sua potente bellezza. Quest’isola a nord dell’Europa è per me una destinazione dove il silenzio è assordante, tutti i sensi si amplificano e non riesco a smettere di farmi mille domande sulla potenza della natura. Per condividere la meraviglia di questa terra di ghiaccio e fuoco, nelle prossime settimane leggerete altri due post che vi aiuteranno ad organizzare un viaggio responsabile, sicuro e rispettoso. Oggi ci occupiamo di organizzare mentalmente la valigia.

viaggio in islanda abbigliamento valigia

Quale valigia usare e come vestirsi

Uno zaino, ovviamente! Ah, volete per forza partire con il trolley che ha le quattro ruote che si muovono con la forza del pensiero? Procedete pure, però mandatemi un video di quando cercherete di trascinarlo su prati o stradine non asfaltate. Uno zaino da trekking capiente circa 60 litri è perfetto per contenere tutto quello che serve per 7/15 giorni in Islanda, a patto che abbiate anche uno zaino più piccolo dove mettere tutti gli oggetti che servono a portata di mano. Macchina fotografica, treppiede, occhiali da sole (sì, anche in pieno inverno, avete presente l’effetto accecante del sole che si riflette su distese infinite di neve bianchissima?), berretto e guanti vanno in quest’ultimo.

Estate o Inverno la differenza di temperatura ovviamente c’è, ma non crediate che il semplice fatto di andare in Islanda ad Agosto implichi un incoraggiante bagaglio di tshirt e pantaloncini corti. Il classico, miracoloso abbigliamento a cipolla è il salvavita di ogni stagione in Islanda, dove il vento non smette (quasi) mai di soffiare.

valigia islanda viaggio islanda zaino islanda

Illustrazione di Eleonora Arosio

Cosa non può mancare in valigia

Inverno: se decidete di ignorare il primo strato (maglia a maniche lunghe e leggins) in materiale termico siete dei folli. E’ indispensabile così come lo sono i guanti anti-vento, i pantaloni e la giaccia da sci/neve e qualche buon pile. Completa il tutto una camicia in flanella tra il primo strato e il pile: ora vi starà venendo caldo solo al pensiero, ma quando cercherete di capire qual è il vostro cottage scendendo dall’auto ogni 50 metri sotto ad una bufera di neve, mi ringrazierete.

Estate: cambia la pesantezza dei capi ma non la stratificazione: tshirt tecnica, camicia (flanella o jeans), pile. E sotto leggins e pantaloni tecnici/da trekking. La vestizione ogni mattina in Islanda richiede una certa organizzazione! Un paio di sneakers può tornare utile nelle lunghe ore in auto e una mascherina per dormire può evitare di svegliarvi alle 2 di notte quando il sole è già alto. Quando avrete finito di vestirvi mancherà ancora un’ultimo ma indispensabile strato: una giacca di media pesantezza (non da neve ma più calda di un piumino 100 grammi, per intenderci). Quest’ultima meglio se antivento e impermeabile.

Sempre: calzini tecnici, scarponcini da trekking impermeabili (fondamentale), infradito in gomma, costume da bagno (volete rinunciare a questo oppure questo? Beh sì, allora potete lasciarlo a casa), sciarpa/scaldacollo, berretto di lana.

Cosa può rimanere a casa

Lasciate a casa jeans (pesano in valigia, non tengono caldo, se si bagnano non ci mettono una vita ad asciugarsi) e ombrello (lo vedreste distrutto in pochi minuti). Inutili anche sandali e qualsiasi abbigliamento ricercato (vestiti o gonne). Quasi inutili i pantaloncini corti.