Torino è una di quelle città che, prima di andarci, hai l’impressione che sia perennemente avvolta nella nebbia e nel freddo. Poi ti aggiri tra i suoi palazzi storici, sorseggi un caffè sotto i portici, passeggi lungo il fiume e scopri che è tutto esattamente il contrario di ciò che ti eri immaginata. E a farti cambiare idea sono anche i suoi #postibelli, come Melissa Erboristeria.

"Le cose fatte col cuore sono le più belle" (Photo credits by Melissa)

“Le cose fatte col cuore sono le più belle” (Photo credits by Melissa)

Perché hai chiamato il tuo store Melissa?
Mia madre voleva chiamarmi Melissa, ma mio padre non era dell’idea: “Già che si sei, perché non la chiami Camomilla?”. Dopo trent’anni, io e mia madre abbiamo aperto un’erboristeria dal nome Melissa. Era destino che qualcosa dovesse nascere proprio quella parola.

Nello spazio che gestisci convivono un’erboristeria, una bioprofumeria e un tea shop. Qual è il filo conduttore che unisce tutte queste cose?
Sicuramente l’innamoramento. Non importa se per una tazza coi fiori di ciliegio da usare ogni mattina, oppure per un tè all’albicocca e champagne, o ancora per un integratore che rende i capelli più belli, per un profumo vaniglia e limone, per il colore pieno di un rossetto, per il cardamomo nella polvere del caffè, per la consistenza di una crema corpo fondente, per una pralina di zenzero e cioccolato mentre si aspetta alla fermata del tram.

"Le librerie sono quelle che custodivano il mio immaginario cartaceo quando andavo al liceo" (Photo Credits by Melissa)

“Le librerie sono le stesse che custodivano il mio immaginario cartaceo quando andavo al liceo” (Photo Credits by Melissa)

L’arredamento di Melissa è decisamente retrò. Come hai scovato tutti i pezzi che compongono questo tuo spazio?
I mobili che arredano il mio store provengono da vari mercatini, ma anche da casa di mia madre, sicuramente resa più spaziosa dalla sottoscritta. Le librerie dove troneggiano i barattoli del tè sono le stesse che custodivano tutto il mio immaginario cartaceo nella mia cameretta. Altri pezzi invece sono del negozio di mia madre, il luogo in cui  ho vissuto tutti i miei doposcuola e le mie merende da piccola. Un altro mobile meraviglioso invece l’ho comprato da una merceria in chiusura: adoro i suoi cassetti di legno con scritto in bella calligrafia: “Foulard di seta”, “Galloni” e “Merletti”.

La natura è l’elemento che sta alla base di tutti i prodotti che si trovano nel tuo store. Tu che rapporto hai con lei?
La cerco ovunque, nei giardini di Torino con un libro, oppure inseguendo il fiume durante una passeggiata. Appena posso, scappo in una casa in montagna, il posto dove sto meglio al mondo. Lì posso lavarmi la faccia con l’acqua gelida e camminare in salita tutti i giorni per raggiungere il panorama.

"Torino è curiosa: ricerca qualità e cuore." (Photo Credits by Melissa)

“Torino è curiosa: ricerca qualità e cuore.” (Photo Credits by Melissa)

L’erboristeria ha un retrogusto di magia. C’è un rimedio naturale, una spezia, un infuso che consiglieresti di tenere in casa come rimedio per tutti i mali?
Può sembrare autoreferenziale ma la Melissa è un portento. Un infuso di Melissa certamente non curerà tutti i mali, ma serve a calmarci, ci aiuta in caso di dolori e spasmi e ci fa digerire bene. Dopo si è pronti ad affrontare tutto il resto.

Torino è la città in cui hai deciso di dar vita a questo progetto. In che modo questa città influenza la tua attività e viceversa?
Torino è una città curiosa che sa scegliere e riconoscere il bello. Le piacciono la qualità e il cuore ed è proprio grazie a questo che la gente ci trova e che io, a mia volta, scovo tante nuove attività indipendenti o antichi bottegai che riescono sempre a togliermi il fiato. Ho la sensazione che qui l’immaginario di tutti si arricchisca continuamente. Credo che Melissa, per come è, poteva nascere e crescere solo a Torino.

"Un infuso di Melissa è sempre un portento." (Photo Credits by Melissa)

“Un infuso di Melissa è sempre un’ottima soluzione a molti mali.” (Photo Credits by Melissa)

Se avessimo 24 ore per vivere Torino, ci consiglieresti un ristorante, uno store e uno spazio culturale da non perdere?
Sicuramente il mercatino del Balun al sabato mattina, le “Acciughe al verde” da Ranzini, la vetrina di “Luisa e Franchino”, il caffè da “Mulassano”, un giro alla libreria “Luxemburg”, la mostra su Matisse a Palazzo Chiablese, un aperitivo da “Emilia” che è un po’ la mia seconda casa. Oppure, semplicemente, perdersi nelle retrovie alla ricerca di piccoli negozi indipendenti.

Abbiamo visto che sei seguitissima su Instagram. Cosa ti piace del far conoscere la tua attività anche attraverso i social?
Questi mezzi hanno la capacità di comunicare un mondo con immediatezza senza perdere il lato dell‘intimità.

"L'innamoramento è ovunque. Anche per un profumo alla vaniglia e limone." (Photo Credits By Melissa)

“L’innamoramento è tutto. Anche quando si tratta di un profumo alla vaniglia e limone.” (Photo Credits By Melissa)

COSEBELLE: Una domanda su di te. Cosa porteresti sull’isola deserta?
Non potrei fare a meno di un coltello e di “Ossi di Seppia” di Montale.

COSEBELLE: Ultima, immancabile curiosità. Qual è la tua Cosabella?
Non ho dubbi: il lunedì libero solo per me. In totale silenzio a casa o in giro a fare la turista. Per me è importante continuare a “nutrirmi” per far sì che il mio progetto continui a nutrirsi.

Melissa– Erboristeria, bio profumerie e Tea shop
Dove: Via Gaudenzio Ferrari, 4 –Torino
Quando: Mar.-Sab 11.00/14.00 – 15.30/19.30
Contatti&Social: FacebookInstagram | Twitter


Tutti i CONCEPT STOR(I)ES selezionati da CosebelleMag li trovate qui!