Ad esclusione di collezionisti e cultori del genere, le carte da gioco potrebbero essere inserite tra gli oggetti che teniamo in casa senza l’esigenza di conoscerne origine, dettagli e modalità di diffusione. Dopo aver acquistato un certo mazzo, spesso a partire dal gusto personale -c’è chi ha un debole per le piacentine, chi per le napoletane, etc,- ad interessarci è soprattutto l’utilizzo: “il giocare”, appunto.

TBS-Carte-Gif-FB

We play seriously, le carte da gioco di Riccardo Guasco e The Brand Shop

C’è chi però, come l’illustratore e artista Riccardo Guasco, su invito dell’agenzia pubblicitaria The Brand Shop, è riuscito ad associare un’esperienza di puro godimento visivo alla consueta, seppur avvincente, pratica del gioco. Mutuando dal linguaggio comune l’espressione “mescolare le carte in tavola”, Guasco (Alessandria, 1975) ha disegnato We play seriously, un mazzo composto da 54 pezzi magnifici. Pur mantenendo la riconoscibilità dei quattro “regni”, l’artista -tra le personalità di spicco della nuova stagione dell’illustrazione italiana- è intervenuto su semi, ordini, sesso e ordine sociale delle figure, rompendo la centralità e la simmetria del disegno sulle carte. Con un risultato di notevole impatto, specie nelle cosiddette “carte vestite”.

Realizzato con la creative director Claudia Rea, il copywriter Piero Fittipaldi e la graphic designer Fabrizia Mascoli, il mazzo è popolato di personaggi ibridi, buffi, irriverenti: un Re vestito da regina, un Fante spavaldo che non ha timore di lasciarsi immortalare con una corona presa in prestito, la Regina di Cuori con le gambe scoperte, il Fante di picche – la carta preferita dall’autore– a cavallo di un drago mitologico, un riferimento questo alla storia dell’arte e all’iconografia di San Giorgio. A rafforzare l’impronta ironica e creativa dell’intero progetto, per il quale Guasco ha attinto al proprio universo stilistico di riferimento – il Cubismo, il Futurismo, gli anni Trenta e artisti come Picasso, Depero, Feininger–  e ai vecchi fumetti pubblicati sul Corriere dei Piccoli, la scelta di spezzare a metà i corpi disegnati. I busti e le gambe dei vari personaggi sono stati infatti separati, “disassemblati” e sembrano lasciare all’utente il piacere inedito di sperimentare altre possibili sovrapposizioni e contaminazioni: quasi un “gioco nel gioco”.

We-play-seriously-le-carte- da-gioco-di- Riccardo-Guasco-Cosebelle-Magazine-13

We play seriously: il Re e la Regina di cuori

We-play-seriously-le-carte- da-gioco-di- Riccardo-Guasco-Cosebelle-Magazine-07

We play seriously: il Re e la Regina di fiori. al punto di vista cromatico, We play seriously attinge alle palette colori proprie dell’azienda, mentre  i semi conservano le tinte classiche -il rosso e il nero- per evitare confusioni durante le partite.

Giocando seriamente si può “toccare con mano” una delle innumerevoli declinazioni del talento e dell’eccellenza italiana.
__
We play seriously – Limited Edition
Dove&Prezzo: ordini esclusivamente via mail a shoponline@thebrandshop.it; 39,00 Euro