È quando usciamo dalla nostra zona di comfort che stiamo realmente facendo qualcosa che per noi è importante. Anche quest’anno, per il mese della prevenzione del tumore al seno, vi propongo un progetto fotografico un po’ “scomodo” proprio perché obbliga a uscire dalla propria zona di comfort. “THE SCAR PROJECT“, che significa letteralmente “il progetto cicatrice”, è una serie fotografica che ritrae donne sopravvissute al cancro al seno e che mostrano, senza pudore o vergogna, i segni e le cicatrici di una battaglia che non hanno scelto di combattere, ma che hanno vinto.
Le foto, scattate dal fotografo di moda David Jay, ritraggono donne dai 18 ai 35 anni che hanno subito una mastectomia e “sono una conferma di vittoria sul male e una rivincita personale” secondo Jay, che si è avvicinato ad un tema così delicato e allo stesso tempo forte, dopo aver saputo del cancro al seno di un’amica di soli 29 anni.

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

the scar project, fotografia, photography, tumore al seno, breast cancer, ottobre rosa, prevenzione

Cosa dire, fa male vedere i segni che la malattia ha lasciato sui corpi di queste donne, ma fa bene vedere quanto il tumore non abbia lasciato cicatrici nei loro spiriti. Con i loro volti fieri, gli sguardi intensi ed emozionati davanti all’obiettivo della macchina fotografica di David, queste “modelle per un giorno” sono pronte ad esorcizzare la paura e a mostrarsi d’esempio per essere d’aiuto e far capire che tutte le donne possano farcela a vincere una battaglia che hanno scelto, proprio come loro!