“(…) San Benedetto da Norcia volle che i monaci vivessero in comunità, unendo la preghiera e lo studio con il lavoro manuale (Ora et labora). Questa introduzione del lavoro manuale
intrisa di spiritualità si rivelò rivoluzionaria.”

In questo estratto dall’Enciclica Laudato Sì di Papa Francesco sulla Casa Comune, per parlare di ecologia, sostenibilità e salvaguardia del pianeta si fa riferimento al lavoro manuale e al binomio inscindibile manualità/spiritualità. Si, perché per parlare di rispetto per la nostra Terra, non possiamo prescindere dal rispetto per l’essere umano e quindi non condannare la nostra cultura dell’usa e getta, del sottocosto, della produzione seriale, dello sfruttamento della manodopera e la convinzione che le macchine e la tecnica riescano a sostituire in tutto e per tutto l’uomo. E poi, volete mettere: l’imperfezione tipica del fatto a mano, il pezzo unico, il rispetto della ciclicità della natura, i tempi naturali che un progetto comporta, la pazienza e la tenacia. Si devono attuare tutte quelle logiche che non si sposano con la nostra società consumistica che prevede il tutto&subito, talvolta senza rispondere ad alcuna necessità.

WeekHand_Copertina_Cosebelle

Cosebelle Magazine è media partner della prima edizione di WEEK HAND – Festival del Fatto a Mano

Anche per questo vi consigliamo di fare un giro il 19 e 20 Settembre 2015 a Foligno (Perugia), in occasione di Week Hand, il primo festival umbro del “Fatto a Mano” dove tra esposizioni, mostre-mercato, laboratori, workshop e performance potrete fare esperienza diretta della gioia che reca realizzare con le proprie mani un oggetto, della fatica che questo comporta e delle difficoltà da superare per trovare una soluzione che ottimizzi la realizzazione. Ve lo diciamo subito: non dimenticate di portare con voi i più piccoli, perché con la convinzione che la manualità creativa aiuti a crescere meglio, ci saranno tante iniziative per i bambini. Per saperne di più abbiamo incontrato una delle organizzatrici: Francesca Tasselli di That’sCom.

Cosebelle Magazine: Ciao Francesca, ci racconti come nasce Week Hand, il primo festival umbro del fatto a mano?
Francesca Tasselli:
 Creatività e manualità artigianale sono due mondi che personalmente mi hanno sempre affascinato. Week Hand è nato da un’idea di That’s Com, studio di comunicazione ed eventi per il quale lavoro: avevamo tutti voglia di dar vita a un grande evento creativo, stimolante e vivace, anche alla luce del fatto che finora non esisteva nulla di simile in Umbria dedicato a handmade e do-it-yourself. Abbiamo voluto creare un punto di riferimento per crafter, maker e virtuosi del fatto a mano, per far conoscere la cultura dell’artigianato indipendente ad adulti e bambini, sia come modello manifatturiero alternativo che come stile di vita consapevole. La prima edizione è infatti rivolta alle famiglie, che potranno trovare tanti oggetti nati dall’ingegno di creativi e tanti altri che acquisiscono nuova vita, anche grazie a tecniche di riciclo creativo. Mi piace pensare a Week Hand come un contenitore magico, un luogo speciale dove far convivere un nuovo approccio alla genitorialità e una più profonda visione degli oggetti che ci circondano, anche quelli di uso comune.

CB:  Secondo quali criteri sceglierete i crafter e i maker che esporranno?
FT: Vogliamo che il livello qualitativo dei creativi, dei manufatti e dei laboratori didattici sia molto alto. Vogliamo che i visitatori vivano un’esperienza fuori dal comune, perché diversa dal tradizionale mercatino rionale al quale siamo, da anni, abituati. Week Hand vuole fare un passo in avanti: è per questo che abbiamo lanciato un bando nazionale online, chiedendo ai creativi di candidarsi inviando immagini e descrizioni del proprio lavoro: selezioneremo i più meritevoli per qualità, ricerca nel materiale, attenzione al dettaglio, inventiva, originalità, packaging e cura nella presentazione delle opere handmade. Poi c’è anche un discorso di coerenza, cerchiamo infatti di conciliare tra loro assortimento merceologico, argomenti dei workshop e gusti del pubblico, che in questa edizione è appunto la famiglia.

WeekHand_Cosebelle_02

Siete creativi? Siete maker? C’è tempo fino al 31 luglio per inviare la richiesta di adesione alla prima edizione di WEEK HAND. Tutte le informazioni sono disponibili qui!

CB: Ci sono dei festival del fatto a mano, delle fiere, dei blog a tema handmade di respiro internazionale a cui vi ispirate o in cui vi riconoscete per proposte, stile, creatività?
FT:
A livello locale amiamo e seguiamo da molto il Band Loch di Bergamo (Cosebelle Mag ha realizzato un report live dall’ultima edizione e segnalato l’evento nel corso del tempo, ndr), mentre come punto di riferimento per laboratori e workshop ci piace molto Weekendoit, organizzato dalla mitica Gaia Segattini, che sarà anche nostra ospite per un laboratorio il 19 pomeriggio. A livello internazionale pensiamo che il Festival Handmade BCN a Barcellona sia davvero pazzesco: un mix perfetto tra fiera e grande laboratorio per imparare a fare. Tanti stimoli, tantissime le esperienze che si possono raccontare con un contenitore del genere: quello che ci piace è pensare di conoscere nuove persone grazie alle loro creazioni, ai loro sogni e alle loro passioni.

CB: Oltre la mostra-mercato ci saranno laboratori e workshop per bambini, mamme e papà. Pensate la manualità sia un valore da riscoprire sin da piccoli e anche in famiglia?
FT: Certo che sì! Come mamma ogni giorno mi accorgo di quanto il mio piccolo impari e cresca ogni volta che fa un esperienza manuale, ogni volta che vive la creatività in prima persona. E poi ci siamo noi genitori, che sporcandoci le mani con terra, pasta, colori e tessuti ci avviciniamo di più a loro, riscopriamo la dimensione ludica del rapporto genitori-figli e ci riappropriamo di una dote che troppo spesso rimane celata: la manualità. Fatemelo dire: la soddisfazione che si ha nel creare qualcosa con le proprie mani non ha eguali!

WeekHand_Cosebelle_03

“Week Hand -ci ha raccontato Francesca Tasselli- proporrà diversi laboratori adatti alle mamme, ai bambini e anche ai papà. Ci sarà spazio per la carta, il collage, il riciclo creativo, il giardinaggio, la cucina, il ricamo, la luce, il legno, la tecnologia e molto altro ancora!”

CB: Ci svelate qualche anticipazione?
FT: Solo una! Altrimenti che gusto c’è a venire?! 🙂
Week Hand ospiterà l’incursione in città di un collettivo trentino che si dedicherà allo yarn bombing delle location, cioè alla decorazione di elementi architettonici con fibre e filati colorati, lavorati a maglia o all’uncinetto. Per tutto il resto non vi rimane altro che venire a trovarci: Week Hand vi aspetta a Foligno il 19 e 20 settembre 2015!

 __
SAVE THE DATE! Week Hand – Festival del Fatto a Mano
Dove&Quando:
Foligno (Perugia), Palazzo Trinci (Piazza della Repubblica) + Coworking Multiverso Foligno (Piazza del Reclusorio). Sabato 19 e domenica 20 settembre 2015
Social:
Facebook| Twitter | Instagram
Info: Segreteria organizzativa –> Tel. 328 163 6042 – Mail: info@weekhand.it