Siamo così, cantavano, dolcementecomplicatesemprepiùemozionate. Ma anche, di tanto in tanto, un po’ spaventate.
Perché quello che le donne non dicono è che a volte, dopo una serata tra amici, tornando verso casa da sole, non ci si sente affatto sicure.
Poco importa che la strada sia illuminata, che ci siano i mezzi pubblici o che si prometta di fare uno squillo appena arrivate a casa. In quei momenti tutto quello che vorremmo è un accompagnatore, un angelo custode che ci faccia compagnia, portandoci a destinazione sane e salve. Ed ecco che entra in scena BackMeApp, il modo più tecnologico per farsi accompagnare a casa, in modo virtuale ma non per questo meno efficace.

3 4

Usarla è semplicissimo: basta selezionare un amico tra i contatti, condividere il percorso che si intende fare per tornare a casa, et voilà! Potete incamminarvi senza paura. Perché BackMeApp farà tutto il resto: avvertirà il vostro contatto se vi trovate in una potenziale situazione di pericolo lungo la strada, se cambiate improvvisamente itinerario o se vi fermate per più di due minuti nello stesso posto.

6 KV

Nata da due creativi italiani di Leo Burnett Milano, Andrea Muccioli e Sara Rosset, e sviluppata per Always, l’app è già attiva in Israele, e lo sarà presto in altri Paesi.
In Italia, purtroppo, non è ancora prevista una data di rilascio, ma speriamo che BackMeApp faccia presto la sua comparsa tra le nostre app preferite!