Belle scoperte fatte via facebook. Talmente interessanti da guadagnarsi la prima intervista di Bello di Casa, la rubrica di home-decor di Cosebelle Mag che eccezionalmente abbandona la sua forma consueta per presentare i lavori di Francesca Miele, graphic designer che vive a Roma, per anni attiva come editor di filmati. Per definire il progetto Natt ci affidiamo alle sue stesse parole, le stesse che ci hanno convinto a bussare alla sua porta per saperne di più:Bloomed by a deep love for the nordic minimalism meshed with the Italian solarity and realized through the multiple experiences collected by Francesca during years, professions and artistic routes. Natt’s characters live in parallel universes, within past and future, every drawing is like a movie frame and, somehow, tries always to tell a story, an instant, an emotion.” Curiosi anche voi? Ascoltate cosa ci ha raccontato…

A TU PER TU CON NATT_00

Un ritratto di Francesca Miele, in arte NATT

Cosebelle Magazine: Ciao Natt! Rompiamo il ghiaccio con un’autopresentazione attraverso 3 preferenze: ci racconti qual è la tua città del cuore, un/una progettista-artista di riferimento e un’opera dalla quale di senti rappresentata?

Natt: Da un pò di tempo mi sono innamorata dell’Olanda. E’ storicamente un luogo di transito, influenza, elaborazione e diffusione, le sue navi ed i suoi treni hanno davvero portato il mondo fino a qui perché fosse visto e trasmesso, e così, forse per questo, mi immagino spesso di essere il finestrino di uno di quei treni che trasporta con sé mille vedute diverse. In questo senso Utrecht è il mio centro di gravità, da qui la gente parte e torna, muove idee, colori, sapori e ne fa cose nuove. E’ un luogo dinamico, ma composto, elegante e allo stesso tempo stravagante, dove il placido fluire degli antichi canali pacifica il vento che corre senza ostacoli e lo rallenta rendendo comprensibili voci che vengono da “altrove”. Insomma è uno di quei posti nei quali in qualche modo ci si sente appartenenti. I progettisti-artisti di riferimento sono Pietro Fornasetti e Renè Magritte, anch’io in qualche modo mi sento un “saboteur tranquille. Non c’è in particolare un’opera che mi rappresenti.

A TU PER TU CON NATT_02

A TU PER TU CON NATT_03

A TU PER TU CON NATT_04

CB: Senti adatta a te la definizione “disegnatrice compulsiva”? Fin da piccola fogli e colori erano al centro della tua giornata?
Natt: Assolutamente si, fin da piccola l’espressione grafica è stato il veicolo attraverso il quale ho elaborate le mie inquietudini e le mie gioie. Emulando mio padre, dedito alla tela ed al pennello, ho iniziato con una matita, la mia insaziabile curiosità mi ha spinto a cimentarmi con qualunque cosa mi consentisse di esprimermi figurativamente. Con il passare degli anni e grazie agli strumenti forniti dallo studio, ho potuto costruire uno stile che sento appartenermi ed iniziare la mia strada da designer.

CB: Gli animali, dei quali restituisci sempre un’immagine giocosa e inaspettata, sono una costante delle tue opere, probabilmente “a discapito” della figura umana. Come nasce l’interesse verso questo universo?
Natt:
Seppure non abbia avuto la fortuna di girare il mondo, guardo il mondo con gli occhi di un’ eterna viaggiatrice. Le istantanee che registro non passano per un obiettivo, ma attraverso la mia immaginazione; la messa a fuoco è senz’altro sull’uomo e su ciò che sta facendo in un leggerissimo istante di sospensione, o meglio di distrazione da un contesto di cellulosa e canditi, dove anche una catastrofe prende tinte pastello. Esattamente in quell’istante scompaiono le sovrastrutture di un volto integrato nel contesto, in favore del candore e della meraviglia di uno sguardo animale.

A TU PER TU CON NATT_04

A TU PER TU CON NATT_05

CB: Come organizzi il tuo lavoro di illustratrice?
Natt:
 Amo lavorare di notte, almeno per la realizzazione. L’ispirazione viene solitamente durante il giorno, al supermercato, negli spostamenti in metro quando vado al lavoro. I mezzi di trasporto romani sono spesso un luogo dove si incrociano le personalità più disparate, un vero crogiolo di impressioni che danno anima ad i miei progetti, o così almeno spero.

CB: Fuori i nomi! Nel panorama italiano quali sono i creativi del tuo ambito da tenre d’occhio secondo te?
Natt: Alice Lotti (delle cui opere, su Cosebelle Mag, abbiamo parlato anche qui e qui, ndr)

A TU PER TU CON NATT_01

A TU PER TU CON NATT_07

CB: Una cosabella
Natt: Un bicchiere di Amarone. Il mio vino preferito.
__
Le creazioni di Francesca Mieli – Natt sono disponibili anche qui