Ci sono Concept Stores che colpiscono per l’arredamento, altri che ti lasciano senza parole per gli articoli che vengono venduti e ti chiedi “ma questo, da dove l’hanno tirato fuori?” e altri, come Dahlia Duet, per il percorso che gli oggetti fanno per arrivare a stare tra le mura di quello store.
Tutto quello che trovate in questo posticino di Pescara infatti è nato lì, dalle mani e dalle menti di una coppia che ha fatto della semplicità la propria forza.
Curiosa come sono, non ho saputo resistere alla tentazione di fare loro qualche domanda e questa è la chiacchierata virtuale che è nata con Dahlia Duet.

Le creazioni di Dahlia Duet (Photo Credits by Dahlia Duet)

Le creazioni di Dahlia Duet (Photo Credits by Dahlia Duet)

COSEBELLE: In che modo il nome del vostro Concept store descrive il mondo che avete costruito e che volete promuovere con la vostra attività?

DAHLIA DUET: “Dahlia Duet” in realtà è il nome di un fiore bellissimo a due colori, bianco e rosso, poesia, purezza e passione. Due mondi che rappresentano noi, Laura e Luigi. Il nostro è un concept un po’ unico in quanto quello che si vede esposto viene realizzato all’interno del negozio stesso, dove tra l’altro cuciamo l’intera collezione, che arricchiamo giorno per giorno in base alla disponibilità dei tessuti in modo da proporre anche pezzi unici. Curiamo il nostro spazio con lo stesso amore con cui si curano i fiori per vederli sbocciare in tutta la loro bellezza.

CB: Il vostro obiettivo è quello di proporre un prodotto che seguite personalmente in tutti i passaggi. Qual è la parte che preferite di questo processo?

DD: La parte più entusiasmante è la creazione del cartamodello che prende vita attraverso spilli e tessuti. A volte un accostamento azzardato causa qualche battibecco tra me e Luigi proprio perchè se lui vuole portare avanti l’idea iniziale, io inevitabilmente arrivo per stravolgere tutto. Per fortuna poi si arriva sempre a un punto d’incontro!

Istruzioni (Photo credits by Dahlia Duet)

Istruzioni (Photo credits by Dahlia Duet)

CB: Nel mondo della moda di oggi, come è possibile distinguersi?

DD: Il nostro segreto è svegliarsi la mattina ripetendoci che siamo unici, continuando a portare avanti sempre la nostra idea di stile senza lasciarsi influenzare da mode e tendenze stagionali. Ci lasciamo guidare dall’istinto, e poi ci lavoriamo su. Rispetto al passato è molto più difficile potersi distinguere proprio perché nascono nuovi brand ogni giorno. Dahlia Duet, nel suo piccolo, si distingue proprio perché non ci serviamo di nessuno ma curiamo tutto noi dall’ideazione, alla confezione, alla comunicazione. Il nostro è un progetto e, come tale, è interamente artigianale.

CB: Cos’è per voi l’ispirazione e da cosa vi lasciate guidare nella scelta dei materiali e nella creazione dei vostri capi?

DD: La ricerca è il punto di partenza per creare la scintilla che dà inizio a tutti i processi successivi per sviluppare le collezioni. Tutto è ricerca, dal quotidiano alle chiacchiere con gli amici, al web. Quello che viviamo è sicuramente fonte d’ ispirazione come può esserlo anche semplicemente una gita fuori porta tra i meravigliosi borghi abruzzesi. I tessuti arrivano solo dopo, quando quella scintilla inizia a diventare un’idea a colori.

Progetti che crescono (Photo credits by Dahlia Duet)

Progetti che crescono (Photo credits by Dahlia Duet)

CB: Pescara. Quanto siete legati a questa città e quanto essa influisce sulle vostre creazioni?

DD: Pescara è stata un ritorno alle mie radici e Luigi mi ha seguita. Dopo aver vissuto a Firenze dove ci siamo conosciuti, siamo poi approdati a Milano dove abbiamo approfondito l’aspetto tecnico della moda e infine abbiamo deciso di sperimentare qui, consapevoli che la città di provincia è sì più difficile ma sicuramente è meno satura rispetto alla grande città. E poi vuoi mettere il cielo azzurro, il sole e il profumo del mare tutto l’anno? Questa qualità della vita ci aiuta sicuramente a vivere e lavorare bene e poi il web fa tutto il resto.

CB: Il lavoro di coppia sta alla base di tutto il vostro processo creativo. Quali sono i pro e contro di questo “duetto”?

DD: La nostra più grande fortuna è stata quella di trovarci: siamo complementari. Tra i pro spicca il fatto che Luigi sia modellista-sarto e io disegnatrice tessile, grafica e fotografa, e questa commistione fa in modo che dove non arriva l’uno interviene l’altra. Credo che se non ci fossimo incontrati, da soli forse non avremmo creato un brand. Tra i pro c’è anche la possibilità di avere un’idea nel cuore della notte e iniziare a svilupparla subito, senza rispettare gli orari di lavoro. Tra i contro c’è la mia incontrollabile istintività che mi porta a proporre spesso disegni irrealizzabili che Luigi, puntiglioso e metodico, mi boccia puntualmente. Siamo proprio il rosso e il bianco.

Conceptstoriesdahliaduet_cosebelle_03

Interno dello store (Photo credits by Dahlia Duet)

CB: In un’attività che vi coinvolge interamente, ci saranno grandi soddisfazioni ma anche tanti momenti “no”. Cosa fate in quei momenti per spronarvi ad andare avanti?

DD: Essendo in due ci alterniamo anche con i momenti “no” che ad oggi stanno lasciando campo libero a bellissime soddisfazioni.  Ovviamente essendo nati da poco c’è ancora tutto da fare e la direzione giusta è continuare ad alimentare il sogno che ci siamo proposti, abbattendo tutte le difficoltà che si presentano giorno per giorno, resistendo alle palate di fango che questo Paese getta su noi giovani. L’importante è continuare a guardare lontano verso quella scintilla che smuove il nostro volere e saper fare.

CB: Una domanda su di voi. Cose portereste su un’isola deserta?

Luigi: una foto della mia famiglia, i profumi della mia terra (la Calabria) e un quadro dipinto da Laura.

Laura: la mia macchina fotografica, il primo abito che mi ha cucito Luigi, un libro di Pessoa, i miei pennelli, l’iPod.

Il laboratorio (Photo Credits by Dahlia Duet)

Il laboratorio (Photo Credits by Dahlia Duet)

CB: L’ultima domanda è quella di rito. Qual è la vostra “Cosabella”?

DD: La nostra Cosabella è il nostro nuovo spazio Dahlia Duet, tanto desiderato. Dopo due anni di casa-bottega e vendite on-line il nostro sogno si è realizzato e finalmente oggi abbiamo anche una vetrina che racconta di noi e di tutto quello che realizziamo all’ interno del negozio. Abbiamo mantenuto il sapore di una casa perchè è proprio da lì che abbiamo iniziato a sognare. Ogni giorno ci svegliamo e siamo felici!

 

Dahlia Duet – Concept store di autoproduzioni
Dove: Via Bardet, 9 – Pescara
Quando: lun-dom. 9.30/13.00 – 16.00/20.00 – chiuso martedì e domenica mattina.
Contatti&Social: FACEBOOK | INSTAGRAM

__
Scopri tutti i CONCEPT STOR(I)ES di CosebelleMag: 
qui!