Cartoline vacanze estate cosebelle

LE CARTOLINE DI COSEBELLE – Illustrazione di Roberta Zeta

Che estate sarebbe senza?

LE CARTOLINE DI COSEBELLE_Pantelleria_2014

Pantelleria – Sicilia

Silenzio, strade deserte, persone silenziose e gelose della loro appartenenza. Colori intensi, pieni, bruciati. Caldo e roccia, scogli, discese, stradine dissestate. Contrasti che hanno fatto pace tra loro e che questa pace trasmettono. Pantelleria. Un’ isola che accoglie se si sente amata, che si lascia scoprire se si sente accettata, non è immediata ne’ accondiscendente. E’ schietta, selvaggia, diretta, punta dritto al cuore e conquista, a patto che la semplicità di sguardo sia la stessa di quella che lei offre. Cieli stellati, gusti intensi. Non solo mare, terra bruciata, pietre, vigne, strade interne dove perdersi e un posto magico e nascosto, l’ Officina, in cui il tempo esiste solo nel momento presente, con gli amici che contano da sempre.

Valentina Guatelli, corrispondente da Parigi

LE CARTOLINE DI COSEBELLE_Taiwan_2014

Taipen – Taiwan

Taipei è tutta understatement. Non ha i mille grattacieli di Shanghai, i meravigliosi monumenti storici di Pechino, o le stramberie di Tokyo. Eppure tutti i laowai (stranieri) che hanno occasione di conoscere la città e il resto dell’isola non se ne vorrebbero mai andare. Taiwan ti accoglie con la cordialità della gente del posto, i loro “Benvenuto, benvenuto!” quando entri nei negozi, il sorriso che per loro accompagna naturalmente la parola “Grazie”. E le bellezze nascoste di Taipei e la selvaggia east coast taiwanese che dà sul Pacifico servirebbero anni a scoprirle tutte. Sono bastate 7 ore di treno per percorrere tutta l’isola da nord a sud e scoprire il paradiso dei surfisti che è Kenting, i paesaggi mozzafiato del Taroko National Park a Hualien, e i favolosi night market diffusi in tutta Taiwan con i loro vestiti molto cool e il cibo bizzarro (mai provato il latte fritto?). Un’isoletta felice da cui non andarsene mai più.

Mangiare: Shilin Night Market
Bere: Revolver
Vedere: MOCA

Erika Bettega, autrice della rubrica “WHY CAN’T I BE YOU?

LE CARTOLINE DI COSEBELLE_COSEBELLEMAGAZINE_LONDRA

La nostra Marta a Londra

Oggi, nell’era del Wi-Fi, dei tablet e degli smartphone, la cabina telefonica sta sempre di più diventando un oggetto che appartiene al passato ed ormai destinata a scomparire, nonostante tutto il suo fascino retrò. Qui sono a Londra, forse la città più popolata d’Europa, dove gli stessi abitanti chiamati “Londinesi”, oggi appartengono alle più diverse nazionalità, religioni e culture, facendo di questa città una delle mete più vivaci e cosmopolite del mondo.Tra Piccadilly Circus, il Tower Bridge, Buckingham Palace, i ponti, i canali, i mercatini e le piazze…come poteva mancare la foto con la caratteristica cabina rossa!

Marta Proietti, autrice della rubrica Respiro

LE CARTOLINE DI COSEBELLE_Sicilia_2014

La scala dei turchi, Agrigento

La scelta della “cartolina” rappresentativa della mia estate è stata davvero semplice: la bianchissima Scala dei Turchi, l’ultima tappa del mio viaggio alla scoperta della Sicilia sud-occidentale.
Dopo chilometri macinati tra il caldo e il vento della Sicilia a scoprire le spiagge più particolari, i parchi naturali e i centri storici, eccomi incantata da questa roccia bianca che spunta improvvisamente a picco sul mare.
La pianta dei piedi si tinge subito di bianco percorrendo questi gradoni che si ergono dal mare e arrivata sulla punta sarei rimasta ore a guardare la distesa dalle mille tonalità di blu tutta intorno a me!
Ora resta solo il sogno di tornare a visitarla e a fotografarla fuori stagione…

Eva Conti, autrice della rubrica su alimentazione&salute

lecartolinedicosebelle_francia_cosebellemagazine

Provenza

La Provenza è stata la mia estate quest’anno. Ho deciso di perdermi nelle campagne ormai aride e vuote di lavanda, nei piccoli borghi quasi senza tempo, nei mercatini dei fiori, delle spezie e dei libri di Aix en Provence, nel gotico di Arles, nei castelli e monasteri, nei cafè delle piazzette. Sono andata alla ricerca di Cezanne e Van Gogh ho dormito in piccole mansarde dove potevo ammirare i tetti della città, ho preso il sole in Costa Azzurra, ho camminato sul tetto de La Citè Radieuse di Le Corbusier. Ho sognato per dieci giorni di essere un’artista francese naif e squattrinata. Per chi volesse fare un giretto in quel della Provenza consiglio tre “cosebelle” da vedere: una visitina ad Aix en Provence e lo Studio di Cezanne ; una capatina ad Arles e le sue bellezze romane; un tuffo nella Marsiglia degli anni sessanta di Le Crobusier con La Citè Radieuse!

Cristina, autrice della rubrica dedicata al teatro

LE CARTOLINE DI COSEBELLE_Irlanda_2014

Inish Mór, Aran Islands (Ireland)

Un viaggio in Irlanda pone la questione spinosa di dover noleggiare una macchina e riallenare le sinapsi a guidare contromano. Come si possono altrimenti raggiungere le sue umide campagne punteggiate di pecore a chiazze colorate, i suoi paesaggi lunari di rocce con le cicatrici e megaliti, i cerchi magici dei Ringfort, e le scogliere da Sturm und Drang a picco sull’oceano? Cara macchina, io invece ti dico tiè!

Inish Mór, la più estesa del trittico di Aran Islands nella Baia di Galway, e raggiungibile con moto molto ondoso via ferry, si può percorrere tutta in bicicletta. Nonostante l’ondata di turisti ferragostini alla ricerca di altri Cliffs of Moher (la Grande Muraglia Irlandese), non bisogna andare lontano per trovare silenzio e solitudine. Anche solo sfrecciando per le stradine costiere, si possono ammirare recinti di sassi popolati di asini, pony, bovini e ovini che brucano indisturbati, lungooceano ricoperti di alghe brune, spiagge bianche da abbagliare, e campagne rocciose rese severe e fiordeggianti da glaciazioni e processi di erosione millenari. I 31 km quadrati di isola abbracciano una ricchezza inusitata di flora e fauna – artica, Mediterranea e alpina – insieme a magnifici siti antichi, precristiani e cristiani – da non perdere, il monumentale forte preistorico di Dún Aonghasa.

A Inish Mór c’è tutta l’Irlanda, paese di meraviglie senza tempo, in nuce.

Cosebelle da segnalare:

– Noleggiare una bicicletta alla stazione del ferry e gustare le more selvatiche lungo la stradine dell’isola, mature al punto giusto in agosto.
– Fare un salto al negozio di Sarah Flaherty (Aran Knitwear Dún Aengus), mastra knitter e signora arguta dai bellissimi ricci rossi. Le sue creazioni rappresentano i più finissimi esempi di maglieria di Aran e non a caso la signora Sarah conta clienti come Steven Spielberg e Sharon Stone.
– Visitare le rovine di templi, chiese e abbazie col rispetto dovuto ad un luogo sacro, carico di energia spirituale.
– Congedarsi in gaelico, che qui è parlato correntemente: Slán!

Chiara Vernari, corrispondente da San Francisco

Cosebelle_cartolinaagodibraies_Stella

Lago di Braies

Tanti saluti dal Lago di Braies! Un piccolo lago alpino in Val di Braies, di fianco alla più nota Val Pusteria. Scopro che è stato la location della fiction “Un passo dal cielo” con Terrence Hills nei panni di un alpinista-guardia forestale part time. E tutto prende un’inclinazione surreale… Il lago si raggiunge in macchina per questo facilmente si trovano famiglie con bambini, poi da lì partono diversi sentieri per salire e raggiungere lo splendido passo Furcia a 2.210 metri. Ho dormito nella cittadina di San Candido, da amici, e mangiato vicino nel rifugio gourmet Jora Mountain Dining, da non perdere!

Stella Maranesi, co-autrice della rubrica Rifatti gli occhi

Masseria Murgia Albanese_ cartoline di Cosebelle

Murgia Albanese

Terra color cacao, intrecci di tronchi d’ulivo e una masseria del ‘700 dove ci si fa cullare dal vento e coccolare dalle attenzioni dei padroni di casa. Il risveglio è dolce come il latte caldo appena munto, servito a colazione con la marmellata d’albicocche fatta in casa. Tutt’intorno, si è avvolti dalla storia di quest’antica masseria, residenza estiva di proprietà dalla famiglia Albanese per condurre  “una vita tranquilla, lontano dalle preoccupazioni della città e dalle  ambizioni”. Proprio così ci si sente in questa splendida cornice che Baba e la mamma Fiorella esaltano con il loro calore e ospitalità. Il tempo si ferma e  quando arriva il tempo di andarsene, l’atmosfera e quella luce diventano un ricordo che, con la stessa dolcezza di quel vento, ci insegue e si posa leggero nella nostra memoria. Info: Masseria Murgia Albanese

Elisa Murolo, corrispondente da Leeds e autrice della rubrica L’orto britannico

capo passero Sicilia

Portopalo di Capo Passero, Sicilia

Quest’anno niente mete esotiche ma un ritorno alle origini, alla terra che mi ha dato i natali ma che purtroppo in tutti questi anni non ho mai avuto modo di esplorare. In Sicilia ho trovato tutto quello che cercavo e molto di più: gente ospitale, pochi turisti, tempi dilatati, piatti che avevo dimenticato, spiagge paradisiache e il mare dietro ogni angolo, onnipresente. Scandisce il tempo delle giornate, dona sapori incredibili e il suo profumo è ovunque.

Un itinerario bello:

Volo fino a Catania, auto a noleggio, pernottamento ad Avola / luoghi da visitare: Siracusa-Ortigia / Oasi di Cassibile / Oasi di Vendicari – Spiaggia di Calamosche / Noto / Marzamemi – Spiaggia di San Lorenzo / Portopalo di Capo Passero

Valentina Marrale, autrice della rubrica Sottopelle e contributor per Geek Pulse.

Baia Dei Turchi, Salento, Puglia

Salento, Puglia

Il bianco accecante di Ostuni e l’azzurro limpido del suo cielo.
Le calette nascoste di Porto Badisco, il mare cristallino della Baia Dei
Turchi, il calore accogliente della pietra leccese.
I maestosi cactus, gli ulivi secolari, le geometrie dei muretti a secco.
I dettagli color mediterraneo.
Questo, il mio Salento.

Arianna Giancaterina, contributor DIY e wedding tutorial.

Duomo di Molfetta

Duomo di Molfetta (Bari), Puglia

Tutti dovrebbero innamorarsi di un cielo e di un edificio bianco. Questa è il ricordo della mia vacanza a casa, questo è il mio duomo e il cielo che mi ricorda chi sono. La prossima estate venite ad innamorarvi dei cieli e degli edifici della Puglia.

Alessia Ragno, contributor beauty e autrice della rubrica Buy Buy Baby.

spiaggia le marze_toscana_cartolinedicosebelle_cosebelle_00

Spiaggia libera LE MARZE, Pineta del Tombolo, Marina di Grosseto

Dalla Maremma all’Argentario. La mia vacanza in Toscana è stata all’insegna delle spiagge sabbiose, delle calette rocciose e del cibo buono, ma buono per davvero. Il sorriso degli amici, il vento sulla faccia, la sabbia tra i capelli, il profumo della resina dei pini marittimi, le salite di sanpietrini, le chiese senza tetto e il sapore inconfondibile dei crostoni con l’olio più buono del mondo assaporati in borghetti d’altri tempi (dove esistono colonie feline protette!!) confermano la Toscana come una delle mie mete del cuore. Estate, inverno, primavera, autunno. Non c’è stagione che tenga.

Le cosebelle da tenere a mente:

DORMIRE: Casa “La Basse”, Ravi (Grosseto) 2 appartamenti da 3 e 5 persone in un tranquillissimo uliveto

MANGIARE: * Osteria “Sapori del Borgo”, piazza del Popolo 5, Giuncarico (GR) [la colonia felina protetta è proprio qui!]

VEDERE: * Abbazia di San Galgano, tra Chiusdino e Monticiano, tra le province di Siena e Grosseto

NUOTARE: * Cala Violina (Grosseto), a 2 km dall’entroterra (e da un piccolo parcheggio a pagamento!) si nasconde una caletta piccolina ma davvero molto affascinante e incontaminata. Non è dotata di servizi, tranne per un piccolo camioncino proprio prima di accedere alla spiaggia libera che vende panini e bibite solo durante i mesi estivi. Si consiglia di arrivare di prima mattina per trovare posto.

* Cala del Mar Morto (Argentario), piccola caletta selvaggia e rocciosa, perfetta per fare immersioni con la maschera. L’accesso al mare non è agevolissimo, ci sono circa 10/15 minuti di cammino con parecchie discese/salite e dislivelli. Si consigliano le scarpe.

Carlotta Favaron, contributor moda/accessori

photo credit: Horcynus Orca fb page

photo credit: Horcynus Orca fb page

Capo Peloro regala uno degli scenari più suggestivi dello Stretto di Messina.

Questo è il punto in cui la Sicilia è più vicina alla Calabria, è il luogo in cui i Mari Tirreno e Jonio si incontrano e mischiano le loro acque. Nodo di migrazioni, paradiso degli zoologi per la sua altissima percentuale di flora e fauna marina. Culla di un ecosistema unico nel Mediterraneo per ricchezza di biodiversità. Pesci abissali, ciclopi e creature mostruose hanno nutrito l’immaginario delle genti che da qui sono passate. L’amministrazione di un territorio così straordinario è affidata al lavoro encomiabile della Fondazione Horcynus Orca che da svariati anni, attraverso il riconoscimento del Parco, mette a disposizione della comunità eventi e progetti di altissimo contenuto culturale, ambientale e scientifico. Ogni anno, nel mese di agosto, si svolge l’Horcynus Festival che coinvolge artisti internazionali per un Mediterraneo in costruzione.

Raffaella Todaro corrispondente da Torino.

cannoli siciliani

Cannoli siciliani

Una vacanza a inizio estate, due compleanni da festeggiare, la Sicilia per la prima volta. Quest’anno è andata così, a spasso nei dintorni di San Vito Lo Capo, arrampicata fra le rocce alla Riserva dello Zingaro, in salita spensierata lungo le stradine di Erice oppure in una rosticceria a Macari dove ho bevuto il peggior caffè della mia vita ma ho visto uno scorcio di Sicilia poco avvezza ai turisti, piena di bambini impegnati al biliardino e di anziani seduti fuori dalle porte di casa. E poi il mare, trasparente e gelido, insieme alle montagne, alla campagna…la Sicilia che non ti aspetti. E le melanzane alla parmigiana, le cassate, le panelle…la Sicilia che ti sei sempre aspettata. E poi l’addio alla dieta per dare il benvenuto a qualche chilo in più, con il sorriso. Fateci in salto in Sicilia, su.

Per mangiare:

Pepper Jam, San Vito Lo Capo per il tortino di melanzane e le panelle (anche senza glutine!)

Gna Sara, San Vito Lo Capo per la pizza “Siciliana” (anche senza glutine!)

Pasticceria Maria Grammatico, Erice per la cassata e le cassatelle

Pasticceria Capriccio, San Vito Lo Capo per i cannoli

Giulia Carolina Rizzi, contributor cucina, autrice di golose ricette per Cosebelle Mag