Alcune parole hanno un fascino particolare nelle altre lingue, si sa. Watercress (nasturtium officinale) suona meglio di crescione d’acqua, non trovate? Parliamo di una pianta spontanea, perenne, che cresce lungo placidi corsi d’acqua, vicino a sorgenti e in zone umide. Il watercress è caratterizzato da uno stelo sottile, foglie di un color verde brillante e forma ovale. Dai piccoli fiori bianchi estivi spunta un baccello che racchiude semi anch’essi commestibili.

L’ORTO BRITANNICO_CRESCIONE_COSEBELLEMAGAZINE_GIORGIA BRESSAN

THE WATERCRESS – NASTURTIUM OFFICINALE in un’llustrazione di Giorgia Bressan

Seppur imparentato alla lontana con la rucola – ricorda, infatti, quella selvatica – il sapore è diverso: meno amarognolo ma decisamente pungente, più simile al ravanello o alla mostarda con un leggero e piacevole sentore di incenso che si assapora solo alla fine.

Planting and Growing

Questa pianta è un portento anche per la sua facilità nel coltivarlo. Potete benissimo fare a meno di procurarvi i semi; se il vostro fruttivendolo di fiducia ha una vasta scelta di frutta e verdura, non mancherà il crescione d’acqua e vi sarà sufficiente procurarvene un mazzetto per piantarlo in terra o in vaso.

watercressl'ortobritannico_cosebelle_02

Selezionate solo gli steli che hanno ancora le radici – del resto cibatevene senza rimorsi! Piantateli a una distanza di 9-10cm l’uno dall’altro e innaffiate giornalmente. Il watercress ha bisogno di molto nutrimento, quindi è ideale piantarlo in abbondante terra, ricca di nutrimento e minerali.

Non c’è nulla che il watercress ami di più dell’acqua e non disdegna, di certo, il sole! Ci vorranno all’incirca dalle 4 alle 5 settimane perché radichi e si assesti.  Dopodiché potete dare il via al saccheggio più sfrenato: sarete, infatti, invasi dal crescione d’acqua per tutto il periodo estivo. 

Ready to eat

Il watercress ha il grande dono della versatilità. Il modo più comune di gustarlo è unirlo a insalate ricche di sapori diversi. Combinandolo, ad esempio, con spinaci e arance o pere, il crescione d’acqua lega perfettamente con la dolcezza e succosità di questi frutti. Anche zuppe orientali e frittate sono una base perfetta per esaltarne il sapore particolare.

watercressl'ortobritannico_cosebelle_01

Pianta millenaria coltivata in Asia, nelle Americhe e in Europa sia a scopi alimentari che medici, il watercress è ricco di ferro, calcio e vitamina C. Nel XIX sec. negli Stati Uniti e in Nord Europa, il watercress era il principale “companatico” – o addirittura l’unico ingrediente – dei sandwiches consumati in fretta dai lavoratori la mattina come spuntino. Questo gli valse l’epiteto di “poor man’s bread”. Prendendo spunto da questo aneddoto, nasce la ricetta per il mese di maggio.

Per variare un po’ dagli usi più comuni del watercress che abbiamo indicato sopra, abbiamo pensato di proporvi un delizioso biscotto d’avena leggermente salato (Scottish oatcakes) che, mischiato con il watercress, ne esalta tutte le virtù ed è un perfetto partner per formaggi molli o comunque non troppo stagionati.

 watercressoatcakes_cosebelle_03

Scottish oatcakes di watercress

225 gr di fiocchi d’avena di media grandezza

1 cucchiaino di sale

15 gr di burro

100ml di acqua tiepida

1 mazzetto di crescione d’acqua

In una ciotola, mischiate i fiocchi d’avena con il burro e il sale. Lavorate con le dita gli ingredienti amalgamando il tutto fino ad avere una specie di crumble. Quindi aggiungete l’acqua tiepida. Lavorate l’impasto e lasciatelo riposare per 5–10 minuti in modo che i fiocchi d’avena assorbano l’acqua.

Nel frattempo preriscaldate il forno a 180°C e preparate la teglia con la carta da forno. Lavate con cura e asciugate le foglie del crescione e tagliatele finemente.

Aggiungete il crescione all’impasto e lavorate il tutto per un paio di minuti. Stendete l’impasto con il mattarello su una superficie sulla quale avrete previamente sparso i fiocchi d’avena: lo spessore degli oatcakes dev’essere di circa 5 millimetri. Aiutandovi con un coppapasta o con un bicchiere, tagliate gli oatcakes e trasferiteli sulla teglia. Infornateli per 15 minuti, poi girateli e lasciateli dorare dalla parte opposta per altri 5-10 minuti.

And… there we go!! Easy peasy!!


Ti è piaciuta questa ricetta? Conservala! E’ in free download!
In lingua italiana:  Scottish oatcakes di watercress
In English: Watercress oatcakes

__
L’ORTO BRITANNICO
è solo su Cosebelle Mag!