Il parsnip (Pastinaca sativa) è un tubero dalla composizione amidacea e ricorda una grossa carota dalla buccia color avorio. Niente a che vedere, però, con la cuginetta arancione! Il gusto è perfettamente distinguibile e la consistenza cambia: più legnosa se mangiata cruda, ma, una volta cotta, il parsnip è più morbido e richiama incredibilmente il sapore della castagna bollita. Base perfetta per vellutate, zuppe o ottima cotta al forno con altre verdure, la pastinaca ha un gusto dolce e la consistenza morbida lo rende un ingrediente perfetto anche per torte, scones o in combinazione con frutti più asprigni come mele o rabarbaro. Insomma, un tubero estremamente versatile. Apprezzato nell’antica Roma, la pastinaca fu portata nel XVI sec. dagli Europei negli Stati Uniti dove però non ebbe lo stesso successo della carota. Ricco di amido è considerato superiore, a livello nutritivo, rispetto alla patata.

L'ORTO BRITANNICO_PARSNIP (PASTINACA SATIVA)_01

PASTINACA SATIVA in un’llustrazione di Giorgia Bressan

Sowing
La più grande soddisfazione per chi sperimenta le gioie dell’orto è assistere al miracolo del germoglio che nasce dal seme. Non privatevi di questa felicità, non barate con la piantina (sempre che troviate una pianta di pastinaca!) e comprate il vostro pacchetto di semi (su internet sarà più facile trovarli).
La pastinaca è un tubero facile da coltivare nel proprio orticello o in un vaso molto ampio e profondo. Se seminate questa primavera, avrete pastinaca a volontà per tutto il prossimo inverno e state certi che questo tubero non risente del gelo, anzi, più lo lasciate in terra più dolce sarà la sorpresa (e il gusto) quando lo raccoglierete. Mi raccomando, è importante che ogni anno usiate nuovi semi. Non utilizzate quelli dell’anno precedente perché vanno a male con molta facilità. Questo vale per la pastinaca come per altri ortaggi. Consiglio: lasciateli una notte a bagno in acqua prima di seminarli nel terreno. Preparate, dunque, il terreno, togliendo eventuali sassi e zolle e mettete i semi nella terra a circa 5 centimetri di profondità e distanziati l’uno dall’altro circa 15 centimetri. Il segreto è mantenere il terreno sempre umido e avere tanta pazienza.

Harvesting
La pastinaca sarà pronta in circa 4 mesi ed è consigliabile lasciarla ancora interrata fino a dopo la prima gelata. Questo permetterà al tubero di diventare più dolce. Gaudio e tripudio garantito e una gran dose di soddisfazione per i palati!

Ready to eat!
Data l’incredibile versatilità del parsnip, vi proponiamo una ricetta che combina dolce e salato.

Pancakes di parsnip e spezie con salsa di yogurtcetriolo e
un sentore di miele

Parsnippancakes_cosebelle_01

Ingredienti per (8 pancakes)

200 gr. di pastinaca grattugiata

1 cucchiaino di semi di cumino

1 cucchiaino di curry

mezzo cucchiaino di curcuma

100 gr. di farina di ceci

1 bustina di lievito per dolci

50 gr. di semola

200 ml. di acqua fredda

1 cipolla piccola (o due cipollotti) tritata

1 cucchiaino di zenzero fresco tritato

2-3 cucchiai di olio di semi di girasole

1 cucchiaino di semi di finocchio (opzionale)

1 peperoncino (opzionale)

Per la salsina

250 grammi di yogurt greco

1 cucchiaio di miele d’arancio (o di altro tipo)

1 cetriolo

Salsina. Pelate il cetriolo, tagliatelo a metà (in lungo) e togliete la parte centrale con i semi. Grattugiatene metà e l’altra tagliatela in piccoli pezzi e lasciatela macerare per una mezz’ora in un colino con un cucchiaino di sale per eliminare l’acqua nel cetriolo.

Strizzate, quindi, il cetriolo tra le mani e lasciateli da parte. In un mixer unite i 250 grammi di yogurt greco, il cucchiaio di miele, la metà del cetriolo grattugiato e frullate il tutto. Aggiungete infine il pezzetti di cetriolo e mescolate. Se volete, potete decorare con qualche foglia di menta e/o una spolverata di paprika dolce.

Parsnippankcakes_cosebelle_02

Pancakes. In un terrina unite il parsnip grattugiato, le spezie (se volete, potete previamente riscaldarle tutte insieme in una padella per esaltarne il sapore), la cipolla tritata, sale (q.b.), 200 ml di acqua, le due farine passate in un setaccio con il lievito per dolci. Mescolate il tutto e mettete in frigo a riposare per mezz’ora.

Riscaldate in una padella antiaderente un cucchiaio di olio di semi (il resto dell’olio vi servirà per cuocere gli altri quattro pancakes). Un volta caldo l’olio, aiutandovi con due cucchiai formate i pancakes in modo che abbiano uno spessore di circa cm1-1 1⁄2. Potete cuocerne 3-4 alla volta e tenere al caldo nel forno gli altri previamente cotti.

Abbinate i pancakes caldi alla fresca salsina and… enjoy the meal!

Ti è piaciuta questa ricetta? Conservala: è in free download qui!

page2image14768