Dao, odore di casa, casa, Milano
Lui è Dao (nel lavandino, ma a lui piace così). Per me Dao ha l’odore di casa.
Quella che io chiamo casa non è particolarmente bella, grande, ordinata, ma è un luogo che sento sicuro, certo,  in cui sto bene, a mio agio, fatto per viverci più che per essere guardato, e che spesso, varcata la soglia, mi sembra una reggia, la mia.

Queste sono alcune uscite della sfilata fw2014/15 di Marni.
Linee morbide, balze, longuette, pantaloni over, dettagli rubati allo sport, maxi cappucci, blouson, pellicce colorate, piume, tocchi metallici. Le scape sono stringate , slip on, sandali. Regna la moderazione, il funzionalismo, la femminilità, quella vera, quella attiva,quella coraggiosa, quella tenace. E FINALMENTE, dico io…

Anche Marni ha l’odore di casa e stagione dopo stagione non tradisce mai, non scende a compromessi.

E allora GRAZIE Consuelo perchè le tue parole “Disegno solo quello che mi piace indossare. Per questa ragione ho iniziato questo lavoro e per questa ragione lo porto avanti. Non ho una musa, ma solo molte cose che mi piacciono” erano vere, perchè di questo avevo bisogno e perchè troppe volte non sono rimasta stupita dalle sfilate o dalle vetrine, ma scioccata a morte.

GRAZIE, perchè sono uscita dal tua sfilata con l’animo leggero, sicura, disinvolta, come a casa
Come quelle poche certezze che mi restano nella vita e mi fanno stare bene e scappare un sorriso quando ci penso: la mamma, la cioccolata, il vino, il caffè alla mattina, la speranza, la CocaCola, il Natale, il tempo, il sole, le stelle, i fiori, il mare, l’amore (quando c’è e quando arriva), i bei sogni…

La casa è il nostro corpo più grande. Vive nel sole e si addormenta nella quiete della notte, e non è senza sogni
KAHLIL GIBRAN

comelodoredicasa_Cosebelle_19 (1)
E questa sono io che sniffo Dao.