Lisbona è una di quelle città che non erano sulla mia lista delle “imperdibili”, lo ammetto. Non l’avevo mai sognata a occhi aperti davanti al computer cercando disperatamente un volo low cost che mi ci portasse.

Eppure, mi ci sono ritrovata e devo ringraziare la mia migliore amica per aver deciso di festeggiare lì il suo addio al nubilato, motivo che ha messo in moto la mia voglia di cercare un posto dove cenare che fosse diverso e in un certo senso indimenticabile.

E così, quasi per caso, ho trovato il Pharmacia Restaurante. Questo concept restaurant è stato realizzato qualche anno fa all’interno del Museu de Farmácia, un tempio di arredamenti e ammennicoli sanitari vintage che farebbero schiattare d’invidia tutti gli hipster del pianeta.

Restaurante Pharmacia interno (Photo by Ilaria Frigeni)

Restaurante Pharmacia interno (Photo credits: Ilaria Frigeni)

Il Pharmacia Restaurante è al piano terra di questo gigantesco villone dal giardino perfettamente curato che si affaccia sul Miradouro de Santa Catarina, un angolo con vista privilegiata sul Tago. È vero, nella zona ci sono un po’ di brutti ceffi ma appena entrerete nel Pharmacia Restaurante sarete talmente coinvolti e affascinati dalla strana situazione in cui vi trovate che non penserete ad altro che a scoprire cosa possa offrirvi questo posto dal punto di vista culinario.

Allestimento (Photo by Ilaria Frigeni)

Allestimento (Photo credits: Ilaria Frigeni)

Tutto in questo ristorante è una vera sorpresa. La prima è sicuramente la mise del cameriere che vi accompagnerà al tavolo e che vi servirà la cena rigorosamente in camice da medico e con stetoscopio al collo, ma la seconda è quella che vi conquisterà definitivamente: ogni singolo particolare dell’arredamento e dell’allestimento del ristorante è realizzato con oggetti recuperati da vecchie farmacie.

Cena al Restaurante Pharmacia (Photo by Ilaria Frigeni)

Cena al Restaurante Pharmacia (Photo credits: Ilaria Frigeni)

Medicine alle pareti (Photo by Ilaria Frigeni)

Medicine alle pareti (Photo credits: Ilaria Frigeni)

L’acqua e il vino vi verranno serviti nelle bottiglie delle flebo, attorno a voi vedrete svettare scaffali pieni di scatole di medicine, emulsioni gastronomiche vi verranno presentate in grosse siringhe (ovviamente senza ago!) e misurini e persino il conto a fine cena vi verrà portato in un simpatico portapillole. Il Pharmacia Restaurante è una vera esperienza, un po’ spericolata e un po’ naif anche per quanto riguarda la scelta del menu.

Utensili per la cena (Photo by Ilaria Frigeni)

Utensili per la cena (Photo credits: Ilaria Frigeni)

Anche quello, infatti, è una sorpresa. Prima di ordinare vi chiederanno quali sono gli ingredienti “che vi fanno male” (dopotutto non dimenticate che siamo in una farmacia) ed escludendoli, lo chef vi proporrà piatti di cucina portoghese estrosamente rivisitata, porzionati in “petiscos”, che non sono altro che la versione lusitana delle meglio conosciute “tapas”. Certo, anche gli accostamenti sono “particolari”, ma tra uno shot di melone e crispy bacon, deliziosi bocconcini di maiale con medaglioni di riso conditi da una salsina dalla natura ancora non ben identificata e un mini buffet di dolci al cucchiaio, non si può non lasciare un pezzo di cuore in questo posto dove ogni cosa è divertente.

Restaurante Pharmacia di giorno (Photo credits: facebook)

Restaurante Pharmacia di giorno (Photo credits: Facebook)

Si dice che i portoghesi abbiano 365 modi per cucinare il baccalà, uno per ogni giorno dell’anno. Ma dopo essere stata al Pharmacia Restaurante credo che tra quelle 365 “ricette segrete” sia giusto includere anche quella per una cena indimenticabile.

Logo (Photo credits: Facebook)

Pharmacia Logo (Photo credits: Facebook)

Biglietto da visita (Photo by Ilaria Frigeni)

Biglietto da visita (Photo credits: Ilaria Frigeni)

PHARMACIA RESTAURANTE – Concept restaurant

Dove? Rua Marechal Saldanha, 1 – Lisbon
Quando? Martedì-Domenica dalle 13.00 alle 01.00

Contatti e social
: pharmacia.2011@gmail.com| FACEBOOK

_
Scopri tutti i CONCEPT STORIES selezionati da Cosebelle Mag qui!