The Hunger Games

indovinachivieneacea_thehungergames_cosebellemagazine_01

Jennifer Lawrence a caccia della sua cena in The Hunger Games di Gary Ross

So che farete fatica a crederlo ma prima di essere una giovane donna complessatissima amante del ballo, prima di essere una inciampatrice in Dior e di conoscere un Bradley Cooper con la tutina fatta di buste della spazzatura Jennifer Lawrence ha recitato in un COSO che è un mix di Harry Potter e Twilight e che si chiama The Hunger Games. Aggiungerò di più. Ovvero che io, nonostante abbia fatto tanto la ggiustona a presentarvi qui cartoni di Wes Anderson e cult anni ’90 ho trovato questo film alquanto piacevole.

indovinachivieneacea_thehungergames_cosebellemagazine_02

Jennifer Lawrence in un fotogramma di The Hunger Games di Gary Ross

In un futuro relativamente lontano la pace regna solo grazie agli hunger games, una specie di giochi senza frontiere dove le frontiere non ci sono davvero, cioè l’obiettivo non è come nella nostra trasmissione estiva salire su scivoli saponati per far capire agli svizzeri che non sono nessuno ma sopravvivere anche uccidendo gli altri. Ecco, un, deux, trois…fiiii!

In mezzo a tutto questo c’é il reality, in un racconto che è anche un The Truman Show, un X Factor misto Grande Fratello dove se sei bello, hai talento e ti fidanzi è anche meglio. Il racconto inizia con la povera Jennifer. E per povera vuol dire proprio che non c’ha una lira. Prosegue con lei nella foresta che deve accontentarsi di bacche e erbe spontanee. Riscopriamo allora con Hunger Games le erbe spontanee e la bellezza (e bontà) che la naturà ci dà così, senza sforzo.

Insalata di tarassaco (o dente di leone)

Ingredienti:
500gr foglie di tarassaco lavate e tagliate grossolanamente
1 aglio tritato
sale, pepe, olio extravergine d’oliva
uvetta e pinoli

Scaldiamo un cucchiaio d’olio in padella e facciamo sfrigolare l’aglio. Agguingiamo le foglie di tarassaco e lasciamo appassire per circa cinque minuti. Aggiungiamo il sale e il pepe. A parte tostiamo i pinoli e facciamo rinvenire l’uvetta in poca acqua tiepida. In una ciotola versiamo la verdura e aggiungiamo pinoli e uvetta.