Nessun delicato color pastello, niente ovetti iper-decorati, fiori di pesco o cestini colmi di giallissimi pulcini-peluche. Quest’anno la nostra tavola pasquale avrà come protagonista la realizzazione di un sogno che spero non solo io avevo sin da bambina: riuscire a trovare, tra candide uova bianche, un uovo raro, il più prezioso di tutti: un uovo nero che, come un quadrifoglio tra milioni di trifogli, aveva la missione di portare fortuna a chiunque lo avesse trovato. Così, che sia di buon auspicio per tutti i commensali, ogni segnaposto/ricordo della nostra tavola pasquale sarà un uovo speciale e introvabile, un uovo nero porta fortuna.

LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_01

Occorrente:
– Uova (io ne ho prese quattro in relazione al numero dei miei ospiti)
– Stecchini
– Colorante alimentare di colore nero
– Nastrini di raso nelle tonalità del rosa (alla fine ho scelto di utilizzare solo quello più chiaro)
– Pennarello indelebile colore rosa acceso

LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_02 LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_03 LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_04 LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_05

Procedimento:
Il primo passo da compiere è quello di far bollire le uova in un pentolino, mi raccomando toglietele prima che si crepi il guscio! Bisogna poi farle raffreddare per bene in un recipiente o in un piatto affinché il passaggio successivo, che prevede l’immersione nel colorante e nell’acqua fredda, non comporti una loro rottura. Intanto versate in una ciotola piena d’acqua il colorante alimentare di colore nero e mescolate fino ad ottenere una miscela omogenea. E’ ora di mettere le uova a mollo nel composto e di lasciarle in immersione anche per una notte. Più tempo rimangono nel colorante, migliore sarà il risultato e l’uniformità del colore desiderato. Appuntamento, dunque, al giorno successivo.

LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_06

LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_07

LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_08

Il giorno dopo togliete le uova dal recipiente e fatele asciugare su un piatto o su una griglia. Per capire quando queste sono davvero asciutte il colore sarà diventato più opaco. E’ giunta l’ora del vero lavoro ‘manuale’: prendete il pennarello indelebile e scrivete su ogni uovo il nome dei vostri ospiti pasquali. Fate asciugare e inserite uno stecchino all’ estremità di ogni uovo. Se notate che non si infila con facilità nel guscio aiutatevi con un punteruolo. E’ un’operazione molto delicata, mi raccomando fate attenzione che il pericolo crepa è sempre in agguato!

LATavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_09 LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_10 LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_11 LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_12

A questo punto prendete i tovaglioli che avete deciso di utilizzare per la tavola pasquale (io li ho scelti classici di colore bianco in tinta con la tovaglia) e poggiate l’uovo con annesso stecchino al centro di essi. Poi, con l’aiuto del nastrino di raso, portate i lembi esterni della stoffa verso l’interno ‘impacchettando’ il tutto con un fiocchetto. Non ci resta che ripetere l’operazione per ogni uovo preparato, posizionare i segnaposto sopra i piatti di ogni nostro ospite, e augurarci che portino fortuna!

LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_13 LaTavolaDiPasquaISegnaPosto_Cosebelle_14