Lanchid19 Design Hotel ©

Lanchid19 Design Hotel ©

A Budapest, l’industria del turismo non si ferma mai: coppie, comitive, famiglie, scolaresche allegrotte, si aggirano per la città durante tutto l’anno e non sono intimorite nemmeno dal gran freddo di gennaio e febbraio.
Sono tantissime le possibilità di alloggio per chi viene in vacanza, tra appartamenti in affitto, b&b, ostelli e hotel di varie categorie.

Lanchid19 Design Hotel ©

Lanchid19 Design Hotel ©

Il primo hotelbello di cui vogliamo parlarvi è il Lanchid19 Design Hotel, sul lungo Danubio dalla parte di Buda: un esempio di architettura innovativa, che ha permesso all’hotel di entrare a far parte, dal 2008, della lista ufficiale dei Design Hotels di tutto il mondo. Il proprietario, per il suo hotel, ha creduto e dato fiducia alla creatività degli artisti ungheresi ed ha affidato l’intero progetto ad architetti e designers locali.

Lanchid19 Design Hotel ©

Lanchid19 Design Hotel ©

Il Lanchid19 è stato aperto nell’agosto 2007. Il concetto architettonico e crativo si basa sulle relazioni con l’intorno: il Palazzo Reale da un lato e il Danubio dall’altro. La facciata di lamelle di vetro si illumina durante la notte e durante gli eventi più importanti della città, come la design week, proponendo giochi di luce. Tutto l’hotel diventa una casa di luce sul Danubio. Le lamelle, collegate ad un sensore meteo, si muovono in accordo con il vento, vibrando più forte quando le raffiche sono più intense.

Lanchid19 Design Hotel ©

Lanchid19 Design Hotel ©

Tutte le stanze raccontano una storia creativa differente: le sedute e le testate del letto ne suggeriscono il tema: il matrimonio in una, il cinema in un’altra, la lezione di danza in un’altra ancora.

Lanchid19 Design Hotel ©

Lanchid19 Design Hotel ©

Molti giovani artisti, provenienti da ambiti disciplinari differenti, hanno lavorato insieme per realizzare soluzioni creative che incontrassero i bisogni multiculturali degli ospiti dell’albergo. Il risultato è un totale di 45 stanze e 3 suite, ognuna con un proprio look.

Lanchid19 Design Hotel ©

Lanchid19 Design Hotel ©

Un’altra soluzione centralissima in città, ma a Pest, e per tasche un po’ più piccole, è il Wombats Hostel Budapest: 4 piani di colore, camere di diverse dimensioni per tutte le esigenze, spazi comuni tra hall, cucina, lavanderia, bar, sala per la colazione, che poco hanno a che vedere con i ricordi che potrebbero suscitare i vecchi ostelli. Wombats Hostel è una catena austriaca, da poco arrivata a Budapest e che fra poco aprirà battenti anche a Milano.

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

Wombats Hostel ©

L’ospitalità in Ungheria, però, non si esaurisce a Budapest: appena le temperature lo permettono moltissimi ungheresi si spostano verso il lago Balaton e le campagne, dove si trovano tantissime altre possibilità di alloggio, di cui vi parleremo presto.

Thanks to:
 
Szonja Demeter (Communication Manager), Lanchid19 Design Hotel Budapest
Veronika Puskas (Manager), Wombats City Hostel Budapest

Continuate a seguire la rubrica Questo blog non è un albergo  dedicata alle strutture alberghiere e ricettive – a nostro giudizio – più interessanti, curiose e insolite in giro per il mondo.
Le ragazze architetto e designer di Cosebelle Mag.