Parole-Belle_Cosebelle Parole poetiche, divertenti, sonore, spesso in disuso o semplicemente dimenticate.
Vi ricordate il vocabolarietto nel quale, da provetti scolari, trascrivevamo le nuove parole che incontravamo nello studio? Ecco, ora capovolgiamo quell’idea.
Riappropriamoci delle “vecchie parole”, fissiamole nero su bianco per non smarrirle.
Che sia un semplice esercizio stilistico o un modo per arricchire nuovamente il nostro linguaggio ecco le nostre parole “di una volta”.

Anelare_Parole Belle_Cosebelle
Chiudi gli occhi ed esprimi un desiderio: che sia il tuo compleanno, la vista di una stella cadente o il primo chicco d’uva mangiato a Capodanno.
Se il tuo è un desiderio di quelli che, se si realizzasse, ti lascerebbe senza fiato dalla gioia, forse ancora non lo sai ma questa è la tua parola.
È anche un modo di respirare, come in una lunga corsa, prima di spezzare il fiato.

È un inseguimento, con il pensiero e tanta forza.

Schermata 2013-01-13 a 22.24.27

Illustrazioni: Federica Aradelli