Da Milano alle Maldive: questo il destino di On Space Time Foam, l’ultima installazione firmata dall’artista-architetto argentino Tomás Saraceno, inaugurata da pochi giorni all’ HangarBicocca. Prima di vederla ricollocata al largo di uno dei paradisi terrestri sotto forma di biosfera fluttuante, resa abitabile da pannelli solari e provvista di impianti di desalinizzazione dell’acqua marina, conviene fare un salto in Via Chiese 2, dal giovedì alla domenica, fino al 3 Febbraio 2013.
E iniziare a muoversi a mezz’aria.

On Space Time Foam, parte del progetto Cloud City, è un grandioso spazio attraversabile, composto di tre livelli sospesi da 14 a 20 metri di altezza. Ad attivarlo sono le azioni, intese sia singolarmente che in modo collettivo, di tutti i visitatori che vorranno sperimentarlo. La struttura, costituita da cinque membrane trasparenti sovrapposte, si presenta come una superficie esplorabile di 1.200 metri quadrati, provvista di tre “spazi d’azione”. Come scrive Saraceno, viene costantemente plasmata “dal clima e più semplicemente dai movimenti delle persone. Ogni passo, ogni respiro modifica l’intero spazio: una metafora di come le nostre interrelazioni condizionino la terra e altri possibili universi.Monumentale, trasparente e temporanea, è stata inaugurata quasi in contemporanea con le celebrazioni (in programma domani, 31 ottobre) per i 500 anni dall’ultimazione della Cappella Sistina, a Città del Vaticano: un’opera monumentale e (almeno in apparenza, nonostante le analisi dei restauratori abbiano alzato il livello di attenzione) solida e duratura.

Aver reso visibile, tramite un efficace esperimento, come ciascun movimento produca evoluzioni nello spazio renderà più chiaro a tutti che le nostre azioni influenzano l’ambiente? E quale può essere il lasciato degli interventi di Saraceno, in un mondo in cui il bisogno primario di un ripario al sicuro per tutti è ben lontano dall’essere soddisfatto? Alla realizzazione di quest’opera hanno concorso un team di ingegneri e la Lindstrand Technologies, una realtà aziendale attiva nella ricerca e produzione di prodotti e materiali aerostatici, di mongolfiere e di veicoli spaziali; a renderla possibile anche il sostegno di Pirelli. Il nome (e non solo quello!) affonda invece le radici nella fisica quantistica, in particolare in una teoria secondo cui particelle subatomiche sottoposte a molteplici e rapidi moti, producono mutamenti nella materia spazio-temporale.

Non resta che provarla.


>> On Space Time Foam – Tomás Saraceno

A cura di Andrea Lissoni | Fino al 3 febbraio 2013 presso HangarBicocca, Via Chiese 2 – Milano
Orari: Giovedì – Domenica dalle 11.00 alle 23.00 | Ingresso Gratuito | Info: tel. 02.6611.1573 – info@hangarbicocca.org | Laboratori per bambini tutti i weekend +  visite guidate la domenica h. 17.00 + Film Rassegna d’Autore il giovedì h. 21.00 + aperitivi col curatore 8 novembre &  22 novembre h. 19.00