Il barattolo della pausa pranzo. Prima ricetta.

L’estate non sta finendo. Care mie l’estate è già bell’effinita. Fatevene una ragione. Ora inizia il lungo cammino verso Natale, poi il lungo cammino verso la prova e costume e ci ritroveremo qua, fra dodici mesi a dire ‘ah, l’estate sta finendo’ e io vi dirò che è già finita etc etc.
Dunque. Dicevamo che l’estate è finita. Siamo tornate al lavoro cariche di buoni propositi, tipo “Nutella non mi avrai”, “Quest’anno meno pizza e più aerobica”, “Il ciambellone lo faccio senza burro” e così via. Io non voglio smorzare la vostra vena di salutismo e vi presento una ricetta veloce e buona per illudervi che continuerete a fare le brave. Anche in pausa pranzo. Rinunciando alla pizzetta.

Ingredienti:
2 carote
un grosso ciuffo di basilico
1 cucchiaino di limone
olio extravergine d’oliva
sale
semi di sesamo tostati

Dopo aver sbucciato le carote con il pelapatate, passiamolo in su e in giù per ricavare delle striscioline sottilissime. Se siete fortunate come me avrete un pelapatate che taglia in entrambe le direzioni. Senza mai staccare la mano otterrete una sorta di ‘fettuccine di carote’. Che si arrotolano sulla forchetta, per giunta!

Intanto creiamo un condimento veloce (io lo chiamerei pesto, ma genovesi non arrabbiatevi, è un’ironica variante!) frullando le foglie ben lavate di basilico con un pizzico di sale, olio e un cucchiaino di limone.

A parte in una padellina tostiamo un cucchiaio di semi di sesamo con cui condiremo le carote in barattolo su cui avremo già versato il pesto.

Chiudiamo e infiliamo in borsa.