Che il fai-da-me fosse la mia strada non l’avrei mai detto veramente. Io sono più da 100 ne penso ed 1 ne faccio anziché il contrario. E Pinterest mi è testimone: sono mesi che metto pin come se non ci fosse un domani, ho bacheche colme di idee per la casa e la cucina, wishlist di abbigliamento ed accessori per ogni stagione, ma io rimango sempre la solita Giada, un po’ pigra e con il desiderio che ogni bella cosa vista e pensata si materializzi già bella e pronta grazie ad uno schiocco di dita. Insomma, non è che non avrei scommesso sulla buona riuscita di questa Missione Terrazzo, io proprio non pensavo sarei mai arrivata al termine! Per capirci, credevo che l’autunno sarebbe arrivato prima ancora che io dipingessi metà dei bancali.

E invece no. Pensate alla pioggia delle scorse settimane, ai weekend senza niente da fare, ad un’amica con la quale recuperare molte chiacchiere. Ad una casa nuovissima con un grande terrazzo da sfruttare in questi mesi, ad una festa di compleanno alle porte e agli amici con i quali passare tante sere all’aperto. Ad un budget non proprio importante e ad un’unica certezza: questa volta non finisco all’Ikea.

Ecco. Tutto questo mi ha motivata a portare a termine l’idea di un divano semplice, accogliente, che facesse venir voglia di sedersi a chiacchierare riscaldati dal tramonto e per il quale non doversi preoccupare troppo: se a fine estate sarà rotto o rovinato dal troppo sole o dalle troppe piogge, l’anno prossimo si potrà ricominciare e inventarsi nuovi colori, nuove forme.

Alcuni su Instagram mi dicevano che fanno fatica a trovare dei bancali: io li avevo in garage grazie ad un trasloco recente, però si possono trovare in cantieri edilizi e aziende di qualunque tipo. Troverete sicuramente qualcuno a cui non dispiace se ne portate a casa alcuni, l’importante è che siano asciutti ed in buone condizioni.

Prima di passare alla fase in cui bastano 1 pennello, del colore, un’amica ed un po’ di musica, bisogna levigare con della carta vetrata i bancali, rimuovere lo sporco, la polvere, a volte la resina e qualche scheggia. (Uso dei guanti altamente consigliato!!)

Il più è fatto: ora con due mani di colore vedrete i bancali cambiare aspetto. Io ho usato dello smalto all’acqua e non ho passato della vernice, i bancali hanno già preso abbondante pioggia e sono ancora perfettamente colorati. Perciò vedete, siate pure pigri ed evitate la vernice! Per quanto riguarda la quantità di colore da comprare, mi sento di consigliarvi di non abbondare, io ne ho presi (su consiglio) 4 litri e sono davvero davvero troppi, considerato che lo smalto all’acqua va diluito. Direi che ne basta la metà.

Una volta asciutti e prima di “assemblarli”, fissate dei piedini in gomma che servono più che altro a tenere un po’ rialzati i bancali, in modo che quando piove non si depositi acqua che crea umidità e rovina il legno. Ora basta solo affiancare i bancali secondo lo spazio che avete e metterci sopra un materasso e qualche cuscino.

Assieme al divano, e grazie a del colore avanzato anni fa quando ho dipinto la mia vecchia stanza di viola, ecco un piccolo tavolo.

Buon divertimento …  E alla fine tutto il colore che ti finisce addosso, o che fai finire addosso alla tua amica non è altro che il risultato di qualche ora senza problemi, senza pensieri, in pace con tutto. (Alla fine all’Ikea ci sono andata solo per prendere i cuscini)