11XCosebelle_Roma_CosebelleMagazine

L’agitazione e l’emozione crescono mano a mano che ci avviciniamo all’inaugurazione di quella che sarà la prima mostra che riunirà gran parte delle illustratrici di Cosebelle, ragazze così diverse tra loro legate da un profondo amore per l’illustrazione in ogni sua forma. In questo spazio ve le presentiamo una ad una, raccontandovi qualcosa di loro e mostrandovi alcuni loro lavori.

Ultima per ordine ma non per importanza, oggi vi presentiamo Giulia Zoavo, una 26enne energica ed appassionata che dall’Emilia si è trasferita a Milano. Grafica ed illustratrice (qui un post dedicato ad uno dei suoi ultimi lavori), Giulia è una delle certezze di Cosebelle Magazine perché da ormai 4 anni ci accompagna alla scoperta di quello che è il fantastico mondo della creatività.

CB: Da cosa cominci quando inizi a lavorare su un’illustrazione o su un progetto?
GZ: Di solito parto dall’idea, che considero la cosa più importante. Poi inizio a fare ricerca e a prendere appunti ovunque: mi piace disseminare i disegni di piccoli, semplici dettagli che raccontano una storia.

CB: C’è un posto che stimola la tua creatività, dove magari vai quando hai bisogno di ricaricarti?
GZ: Non c’è un posto in particolare: se fosse per me, viaggerei costantemente. Ho però due luoghi del cuore: la Bosnia Erzegovina e i colli piacentini in primavera.

CB: Ci puoi dire come si svolge tecnicamente la realizzazione di un’illustrazione e quanto tempo impieghi mediamente a completarne una?
GZ: Il tempo impiegato dipende da molte cose: dalla complessità dell’immagine, innanzitutto. Nonostante sia sempre stata una disegnatrice compulsiva, ho iniziato da pochi anni a illustrare a computer: ogni disegno che faccio è per me un modo per sperimentare ed imparare, e questo mi diverte così tanto che non mi accorgo mai del tempo che passa! Prediligo le forme geometriche e semplici, tracciate al computer, e cerco sempre di far nascere un sorriso in chi osserva il disegno.

CB: Un’illustratore/illustratrice che ammiri particolarmente.
GZ: Il mio primo amore “artistico”, Jean-Jacques Sempé.

CB: Una cosabella
GZ: Le cene con gli amici.

L’appuntamento con le illustrazioni di Giulia e quelle di altre 10 bravissime illustratrici è a Roma dal 14 al 27 Marzo presso Pierrot Le Fou, Via del boschetto 34, Rione Monti, Fermata Cavour – Metro B